«Se mi chiamano accetto»

Tavolazzi: «So come fare il dg di un Comune come Parma perché l’ho già fatto»

    Continua a fare discutere la chiamata di Valentino Tavolazzi, espulso lo scorso marzo dal Movimento 5 stelle, da parte del neo sindaco di Parma, il grillino Federico Pizzarotti. «Valentino Tavolazzi - ha dichiarato il Movimento 5 stelle di Parma - è stato da noi contattato in piena autonomia durante la selezione tra altri candidati per il ruolo tecnico e non politico, di direttore generale in quanto persona di provata capacità e assoluta fiducia».«Ho saputo solo giovedì sera - ha scritto Beppe Grillo sul sito - della candidatura di Valentino Tavolazzi di progetto per Ferrara a cui è stato inibito l’uso congiunto del suo simbolo con quello del Movimento 5 Stelle qualche mese fa . Ovviamente è una scelta impossibile, incompatibile e ingestibile politicamente. Mi meraviglio che Tavolazzi si ripresenti ancora sulla scena per spaccare il Movimento 5 Stelle e che trovi pure il consenso di un consigliere». Lo stesso Tavolazzi ha smentito sul sito online de la Repubblica Parma tale versione: «Non mi sono autocandidato a direttore generale del Comune di Parma. Il sindaco Pizzarotti mi ha chiesto la disponibilità a poter svolgere questo incarico ed io gliela ho data. Se diventassi direttore generale a Parma mi dimetterei da consigliere comunale a Ferrara. Il post di Beppe Grillo o chiunque l’abbia scritto non ha nulla a che vedere con la democrazia e la trasparenza del Movimento 5 Stelle».Tavolazzi (che ha già ricoperto l’incarico di direttore generale in Comune a Ferrara dal 2000 per nemmeno due anni prima di essere cacciato dall’allora sindaco Ds Gaetano Sateriale) ha confermato la sua disponibilità all’incarico proposto da Pizzarotti: «La mia risposta finora è sì: ho fatto il dg in Comune a Ferrara e non credo che rispetto a Parma possa esserci una grande differenza, se il sindaco ha pensato a me qualche motivo ci sarà». Il consigliere, però, non vuole creare problemi al nuovo primo cittadino parmigiano: «Se nei confronti di Pizzarotti dovesse levarsi una ‘rivoluzione’ non sarò io a metterlo in difficoltà».Il sindaco di Parma per provare a mettere fine alle polemiche sceglie di pubblicare un video su YouTube in cui chiede ai giornalisti di essere “lasciato in pace”.

    26 maggio 2012

    Altri contenuti di Cronaca

    Annunci

    • Vendita
    • Affitto
    • Casa Vacanza
    • Regione
    • Provincia
    • Auto
    • Moto
    • Modello
    • Regione
    • Regione
    • Area funzionale
    • Scegli una regione

    Negozi

    ilmiolibro

    Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana

     PUBBLICITÀ