Pronto Soccorso, il primo giorno a Cona

Il primo paziente arrivato poco dopo le 7, chiusa la sede del servizio operativa al Sant'Anna fino a questa mattina 

    Questa mattina, alle 8, il pronto soccorso ha chiuso la vecchia sede  di corso Giovecca, dove sono stati curati  gli ultimi pazienti affluiti fino a pochi minuti prima, e contestualmentente ha aperto il servizio nel nuovo ospedale di Cona dove il primo paziente è arrivato poco dopo le 7 per farsi curare una lieve otalgia. Nella nuova area di accesso, a Cona, sono concentrati cinque servizi di pronto soccorso: Ps generale, pediatrico, oculistico, ortopedico, ostetrico-ginecologico. Disponibili nella stessa area anche le consulenze di orl. Gli ambulatori sono vicini al servizio di Radiologia (poco dopo le 8 è stata eseguita una prima Tac su un paziente già ricoverato). Molti i pazienti che hanno atteso la visita nell'area di attesa del ps ortopedico. Al S. Anna è in corso in queste ore il trasloco degli ultimi arredi del ps, che andranno installati a Cona. Poi l'area sarà sbarrata e chiusa a chiave. Un paziente ha evidenziato un primo problema: . «Si tratta di una fase indubbiamente in cui prestare molta cura, noi siamo pronti», diceva ieri mattina il direttore generale Gabriele Rinaldi. L’attenzione alla sicurezza è massima in questa giornata di battesimo: una task force composta di medici e infermieri valuterà comunque lo stato di salute dei cittadini che dovessero presentarsi al vecchio pronto soccorso e, se necessario, trasferendoli in ambulanza in via Palmirano. Strategico pure il fatto che gli ultimi reparti a trasferirsi saranno, domani, quelli di Neurochirurgia e Rianimazione. L’area dedicata all’emergenza a Cona è molto estesa, «siamo sui 3.500 metri quadri contro i 700 di corso Giovecca e gli ambulatori salgono da 6 a 18», spiega Rinaldi. Ciò perché viene unificato il pronto soccorso generale con quelli specialistici di Oculistica, Pediatria, Ortopedia-Traumatologia e, almeno temporaneamente, Ostetricia-Ginecologia. Unico l’accesso, così come la codifica in zona triage. Già a partire da oggi il lavoro non mancherà di certo: si mettono a preventivo circa 80mila accessi all’anno. Vero è che per entrare a pieno regime servirà qualche settimana. «Saranno attivi tre box visita su sei in questa prima fase – illustra Roberto Melandri, direttore dell’unità operativa di Medicina d’Emergenza -. La complessità è legata più che altro alla novità degli ambienti, alcune cose le verificheremo in corso d’opera. Il modello organizzativo è sicuramente diverso dal precedente». Il cambio di filosofia è nel passaggio dall’ambulatorio al box visita, oltre che nella diversificazione dei percorsi a seconda delle gravità e in una gestione meglio coordinata tra le varie discipline, sia per le emergenze sia per i casi a minor complessità assistenziale. «Puntiamo a diminuire i tempi morti – aggiunge Melandri – con un medico meno seduto in ambulatorio e che ruota sui pazienti, anche se non è semplice cambiare la mentalità delle persone…». L’organico del pronto soccorso è composto da 51 infermieri e 32 operatori socio sanitari (una ventina le persone impegnate su ogni turno); due i coordinatori. L’obiettivo finale della “squadra” è racchiuso in uno slogan citato da Melandri, “più velocità, più comfort e più privacy”. «Non avrei potuto dire meglio», sorride Rinaldi. Oggi il primo momento di verifica per un passaggio che per la città non è retorico definire storico. Durante la scorsa notte, intanto, è stata resa completamente visibile tutta la segnaletica verticale con le indicazioni verso la nuova sede ospedaliera e del pronto soccorso (nel dettaglio 93 segnali di direzione con i relativi supporti e 21 pannelli di preavviso), cartelli che Provincia e Comune congiuntamente avevano già installato e mantenuto coperti.

    13 giugno 2012

    Lascia un commento

    Altri contenuti di Cronaca

    Annunci

    • Vendita
    • Affitto
    • Casa Vacanza
    • Regione
    • Provincia
    • Auto
    • Moto
    • Modello
    • Regione
    • Regione
    • Area funzionale
    • Scegli una regione

    Negozi

    ilmiolibro

    Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana

     PUBBLICITÀ