Prosa al Comunale: nove spettacoli di qualità e tanto spazio ai giovani

Da Goldoni a Truman Capote, da Samuel Beckett a Tennesse Williams Un cartellone che con alcuni titoli fa anche l’occhiolino al cinema

    FERRARA. E dopo la stagione di Ferrara Musica e quella di Danza, il Teatro Comunale di Ferrara ha presentato la stagione di prosa. «Nove appuntamenti - ha detto ieri mattina alla Sala Arengo il direttore del Comunale Marino Pedroni - che rimangono invariati come numero rispetto agli anni passati e che mantengono alta la qualità delle proposte. Si tratta di una stagione con testi che vengono dal passato ma anche con scrittori contemporanei e che vuol dare spazio ai giovani». Il cartellone difatti spazia da Goldoni a Truman Capote, da Samuel Beckett a Tennesse Williams fino a Annibale Ruccello e Marco Martinelli; attori affermati accanto a giovani interpreti. Ieri accanto a Pedroni c’erano Fabio Mangolini che ha ringraziato tutti quelli che hanno contribuito alla riapertura del Teatro e che si renderanno disponibili per dare continuità alla loro azione anche frequentando gli spettacoli, e l’attrice Maria Paiato che, con il suo “Anna Cappelli”, sarà al Comunale il 24 e 25 novembre. Una stagione che, con alcuni titoli, fa anche l’occhiolino al cinema. Ma guardiamo in particolare il cartellone. Si comincia il 25 ottobre con “Aspettando Godot” con una coppia di attori che ha avuto grande successo nella passata stagione: Natalino Balasso e Jurij Ferrini; la surreale opera di Beckett trova nella regia di Ferrini e nell'interpretazione di Balasso una rilettura spinta in chiave comico-grottesca; si tratta di una prima nazionale. Il 24 novembre Anna Paiato con “Anna Cappelli”, una graffiante commedia scritta da Annibale Ruccello con la regia di Pierpaolo Sepe. Dal 29 novembre “Un tram che si chiama desiderio” di Williams per la regia di Antonio Latella con un bel gruppo di attori, tra cui Laura Marinoni che nel ruolo di Blanche ha ricevuto alcuni riconoscimenti. Il regista ha cercato di caratterizzare i personaggi che non fanno assolutamente il verso al film di Elia Kazan interpretato da Marlon Brando e Vivien Leigh. Spazio alla leggerezza il 17 gennaio con “Oblivion show 2.0. Il sussidiario”con il gruppo diretto da Gioele Dix. Spettacolo in parte musicale e in parte cabarettistico. Il 31 gennaio una nuova produzione del Teatro delle Albe, che si sta costruendo proprio in questo periodo, che mette in scena la figura di Pantani; testo e regia di Marco Martinelli per questa figura di eroe fragile tanto amato e che va ben al di fuori del mondo dello sport. Il 21 febbraio un Carlo Goldoni meno conosciuto con “Il ventaglio” per la regia di Damiano Michieletto e con un bel gruppo di giovani protagonisti. L’ 1 marzo torna a Ferrara un grande del teatro: Franco Branciaroli che con Tommaso Cardarelli presenta “Servo di scena” di Ronald Harwood, un testo che mette al centro della scena proprio il teatro. Il 21 marzo “Colazione da Tiffany” di Truman Capote, con Francesca Inaudi e Lorenzo Lavia, che si avvicina comunque di più all’idea meno edulcorata dello scrittore americano, rispetto al conosciutissimo film interpretato da Audrey Heburn e Bogart. La stagione si conclude il 18 aprile con un altro lavoro di Harwood, “La torre d’avorio” che vede protagonista Luca Zingaretti con Massimo De Francovich; viene messa in scena l'indagine a cui fu sottoposto il famoso direttore d’orchestra Wilhelm Furtwangler accusato di connivenza con il regime nazista. Anche quest’anno accanto alle rappresentazioni ci saranno momenti d’incontro con le compagnie e gli attori e varie iniziative, comprese le proiezioni di alcuni film. Numerose poi le possibilità di abbonamento con formule in grado di soddisfare molte esigenze, dai turni fissi al carnet a scelta, alle proposte per studenti universitari con “Teatro 30 e lode free” (con soli 30 euro si possono scegliere tre spettacoli delle varie stagioni o tre titoli di Ferrara Musica. La vendita degli abbonamenti per i turni a posto fisso inizierà il 24 settembre. Da segnalare una interessante iniziativa che lega teatro e sport nel segno della solidarietà: il 21 e 22 settembre ci sarà un quadrangolare di basket - come ha ricordato ieri Giacomo Incarbona, general manager della Mobyt - e il ricavato della vendita dei biglietti verrà devoluto per la ricostruzione del teatro.

    02 ottobre 2012

    Lascia un commento

    Altri contenuti di Cronaca

    Annunci

    • Vendita
    • Affitto
    • Casa Vacanza
    • Regione
    • Provincia
    • Auto
    • Moto
    • Modello
    • Regione
    • Regione
    • Area funzionale
    • Scegli una regione

    Negozi

    ilmiolibro

    Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana

     PUBBLICITÀ