Menu

Incontro del Lions Fe Host con l’editore Roversi

Gli autori ferraresi del '900

 FERRARA. Non esistendo a tutt'oggi una storia critica sugli autori ferraresi del '900, Riccardo Roversi direttore dell'Este Edition, invitato da Alberto Cavicchi presidente del Lions Club Ferrara Host a relazionare sull'argomento, ha scelto di procedere secondo un elenco strettamente legato alla data di nascita degli scrittori, escludendo i viventi, "poiché il loro percorso letterario non è ancora terminato". Poco conosciuti ma ugualmente validi i primi della lista: Giuseppe Agnelli fondatore della Ferrariae Decus, direttore dell'Ariostea, Jolanda nome d'arte di Maria Maiotti Plattes di Cento autrice di romanzi rosa e Ferruccio Luppis diffusore con le sue opere del dadaismo. «Con Corrado Govoni entriamo nell'olimpo della letteratura italiana; le sue liriche tra cui la straordinaria poesia per Nani il figlio trucidato alle Fosse Ardeatine sono infatti in tutte le antologie. Un'ombra invece avvolge la figura di Giuseppe Ravegnani che dopo le leggi razziali del '38, scacció dall'Ariostea che dirigeva, Giorgio Bassani, mentre Filippo De Pisis è ricordato non solo come pittore ma anche come autore di varie opere tra cui un Trattato sull'eleganza maschile». Roversi ha dedicato poi notevole spazio a Mario Roffi che fu assessore alla cultura del Comune, abile traduttore di opere francesi nonchè saggista ed in politica, senatore a Roma. Da don Francesco Fuschini di Argenta al filosofo e critico Gianfranco Carretti o al'unica voce dialettale di Bruno Pasini. Poi Franco Giovannelli, Luciano Chiappini, Fabio Pittoru, Aldo Luppi, Gianfranco Rossi, Dino Tebaldi, don Franco Patruno, Lorenza Meletti. E, naturalmente, Bassani. (m.g.)

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro