Quotidiani locali

dal garage al palco

Piace il rock elettronico dei Digit

La giovane band ferrarese riscuote consensi

FERRARA. In un mondo digitalizzato, in cui l’analogico ha lasciato spazio all’era dei computer, l’anno scorso sono nati i Digit, giovane band ferrarese con forti suggestioni di rock ed elettronica. Dal garage al palco, in questo caso, propone sono i quattro componenti della nuova formazione musicale ispirata da grandi gruppi di fama nazionale ed internazionale quali Subsonica, Planet Funk, Killers, Wombats e Late of the Pier. Bastano questi nomi a rendere l’idea del genere? Pare proprio di sì; apprezzati da un pubblico sempre più numeroso per la qualità e l’energia delle loro esibizioni, i giovani musicisti hanno suscitato fin da subito l’interesse degli addetti ai lavori e nell’ottobre scorso hanno siglato l’accordo di collaborazione con etichetta indipendente Skpmz di Bologna. Da lì a poche settimane l’Ep di esordio dal titolo “Digit”, sei tracce dove ricercatezza e sperimentazione timbrica la fanno da padrone confermando la notevole personalità artistica della band. L’Ep, distribuito da Believe Digital, è attualmente disponibile su Itunes e su tutti i maggiori music store online. In cantiere anche il primo video tratto dal singolo “Il Circo c’est la vie”, che già dal titolo esplicita le intenzioni.

«E’ canzone interpretabile e melodica – dice Luca Rizzo, voce e sintetizzatore -, è volutamente giocosa, come si evince dalla parola circo, ma ha un retrogusto amaro; un po’ come la vita, che alterna gioie e dolori. Parla anche di come tutti siano costretti dalla società ad indossare una maschera rendendo difficile conoscere sino in fondo chi ti sta di fronte; se vogliamo, ha una visione un po’ negativa del mondo».

Il gruppo nasce ex novo nel gennaio del 2011 proponendo indie rock con proiezioni elettroniche, un po’ come Planet Funk e Subsonica, appunto.

«I testi per la maggior parte li scrivo io – continua Rizzo -, prendendo spunto dalle esperienze personali quotidiane».

Il video è ormai pronto, grazie alla collaborazione di Pablo Chieffo, produttore e regista.

«La nostra speranza è farci conoscere entro i confini nazionali; siamo nati facendo le prove in un garage e speriamo di raccogliere i frutti del nostro lavoro già nei prossimi mesi».

La critica dei primi lavori è positiva.

Corrado Magnoni

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

In edicola

Sfoglia la Nuova Ferrara
su tutti i tuoi
schermi digitali. 2 mesi a soli 14,99€

ATTIVA Prima Pagina
ilmiolibro

Scarica e leggi gli ebook gratis e crea il tuo.