Quotidiani locali

«Ti tolgo io il malocchio» “Maga truffa” in tribunale

Avvicinò al S. Anna una donna malata e le propose di risolvere i suoi problemi La vittima le diede soldi e oro, si accorse del raggiro e la denunciò ai carabinieri

La conoscono tutti a Ferrara come la «maga truffa». Addirittura c’è chi la accomuna ad una «Vanna Marchi in piccolo». Visti tanti altri episodi in cui è stata protagonista, e non c’è nulla di cui vantarsi. Paola Pasetti è di nuovo imputata in tribunale di truffa perchè con i presunti riti magici o esoterici che offriva e offre (vista l’attualità del processo in corso per fatti che risalgono al 2010) a clienti o persone normali che si rivolgevano a lei con fiducia, mal riposta. La truffa che le viene contestata davanti al giudice Luca Marini (ieri il processo è stato aggiornato al 1 giugno prossimo) per l’accusa l’avrebbe portata a spillare soldi, quasi 2000 euro, e oro alle vittime di turno: una coppia ferrarese, parte civile con gli avvocati Marco Faveri ed Eleonora Migliari. Proprio per i due raggirati, che non si sono mai presentati al processo che hanno innescato con la loro denuncia, il giudice ha deciso ieri l’accompagnamento coattivo (con i carabinieri) per il prossimo 1 giugno. La donna raggirata aveva conosciuto la Pasetti all’ospedale, dove andava e veniva per una serie di problemi di salute che non riusciva a risolvere. La donna si era confidata con la Pasetti che si offrì di trovare una soluzione ai suoi mali e ai suoi problemi, con pratiche contro il malocchio e fatture di magia nera. «Cose strane», è emerso al processo con le quali la Pasetti aveva promesso di risolvere tutto. Ovviamente in cambio di qualcosa: oro e contanti. Una esatta quantificazione non si conosce ancora, il capo di imputazione parla di quasi 2000 euro più oro, ma il valore sarebbe molto più alto. La vittima però dopo diversi approcci scopre che quelle pratiche non sono poi così innocenti: si rivolge ai carabinieri di Ferrara che tentano il classico tranello, organizzando lo scambio dei soldi. Ma il tranello dello scambio soldi alla Pasetti sfuma (come ha testimoniato ieri un carabiniere), parte la denuncia per truffa, si chiudono le indagini ed ecco il processo. Contro una imputata più che recidiva. Come è emerso al processo, visti i raggiri precedenti di cui è stata accusata. Paola Pasetti infatti è stata più volte agli onori delle cronache e nelle aule dei tribunali per raggiri e truffe. Anni fa venne coinvolta in una maxi indagine della polizia, che sventò una truffa con il Gratta e vinci, escogitato dalla Pasetti. Inchiesta in cui venne denunciata e processata e che portò la stessa Pasetti a controdenunciare i poliziotti che fecero l’inchiesta, per presunte violenze: la donna è stata poi condannata per calunnia (le condanne sono pendenti). Ora questo ennesimo processo che si concluderà il prossimo 1 giugno. (d.p.)


Lascia un commento

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

In edicola

Sfoglia la Nuova Ferrara
su tutti i tuoi
schermi digitali. 2 mesi a soli 14,99€

ATTIVA Prima Pagina
ilmiolibro

Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana