Quotidiani locali

Primo maggio senza liti Comizi quasi unitari

Le sigle confederali si dividono le piazze, la Cgil marcia con maglie pro-lavoro Superata la frattura dell’anno scorso ma non ci saranno testi concordati

“Il lavoro non è una merce” è lo slogan sulle magliette che saranno indossate dagli attivisti Cgil alla podistica Uisp del Primo maggio, in partenza dall’ippodromo, «richiamando le motivazioni che hanno portato la Cgil alle ultime mobilitazioni a difesa dei diritti dei lavoratori, dei pensionati e dei giovani». E’ quanto si legge in una nota della Camera del lavoro che spiega sufficientemente bene perché la volontà di superare le divisioni sindacali dell’anno scorso non ha prodotto più di un raccordo di tipo organizzativo.

«Non si tratterà in effetti di una gestione unitaria a tutti gli effetti del Primo maggio - annota Giuliano Guietti, segretario provinciale Cgil - perché non sono previsti testi concordati: è chiaro che tra noi, Cisl e Uil non c’è una piattaforma comune su certe questioni. Sì, in effetti è qualcosa di leggermente diverso da quanto succederà a Bologna, ma è una modalità simile a quella di Modena, Reggio e di altre città emiliane. Sono molti anni, del resto, che i tre sindacati non salgono più assieme nello stesso palco, a Ferrara e provincia». La ricomposizione rispetto alla pesante rottura dell’anno scorso, quando la Cgil rifiutò di condividere anche gli affitti delle piazze con le altre confederazioni, rappresenta comunque un passo avanti, anche se le divisioni sulle strategie nazionali e le dure posizioni della Fiom continuano ad incidere. A livello territoriale, invece, quasi tutte le vertenze più importanti sono condotte a livello unitario.

C’è stata in concreto una sorta di spartizione concordata delle piazze: la Cisl si concentrerà di fronte al Duomo, per l’1 maggio cristiano; la Uil avrà Poggio Renatico (dove parlerà il segretario provinciale Massimo Zanirato), Migliaro (con Riccardo Gallottini) e Mesola (Mirco Cavallini). Guietti sarà ad Argenta, gli altri comizi Cgil sono previsti a Cento (Luca Fiorini), Comacchio (Riccardo Grazzi), Copparo (Francesco Barigozzi), Bondeno (Dario Alba), Portomaggiore (Marco Corazzari), Massa Fiscaglia (Mauro De Marchi) e Ro (Mario Tamoni).

Si comincia a festeggiare oggi a Masi Torello, alle 10, con l’esibizione del Coro delle mondine. Si prosegue nella mattinata di martedì con biciclettate, feste, musica e garofani ad Argenta, Bondeno, Cento, Comacchio, Copparo, Massafiscaglia, Mesola, Migliaro, Poggio Renatico, Portomaggiore, Vallette di Ostellato e Ro (nel pomeriggio), Tresigallo. Tutte iniziative targate Cgil, come pure i concerti di domani e martedì. (s.c.)

Trova Cinema

Tutti i cinema »

In edicola

Sfoglia la Nuova Ferrara
su tutti i tuoi
schermi digitali. Il primo mese è gratis.

Abbonati Prima Pagina
ilmiolibro

Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana