Quotidiani locali

Giovani, sport e scuola le carte vincenti

L’inaugurazione della Fiera momento importante di bilanci. Il sindaco Fiorentini sollecita: date il meglio, puntate in alto

ARGENTA. L’inaugurazione della Fiera di Argenta, ieri pomeriggio, non è stata solamente un’occasione per far vedere i progressi di una comunità. Il taglio del nastro della kermesse settembrina è stato anche l’opportunità per parlare della propria gente, del carattere forte e solidaristico degli emiliani romagnoli. Ma anche delle iniziative tutt’ora in campo per nuove aggregazioni anche con chi, in passato, non era nemmeno pensabile. Ed è ciò che è emerso ieri dalle parole del sindaco Antonio Fiorentini che ha rimarcato come sia in dirittura d’arrivo l’unione con Portomaggiore e Ostellato (c’era il sindaco Minarelli con il collega Marchi). Un’opportunità per Fiorentini per ricordare che, nonostante la crisi, il terremoto, la siccità che avrebbe piegato qualsiasi realtà, «ad Argenta qualcuno dimentica che ci sono imprese che esportano nel mondo. Per migliorare la qualità della vita - ha poi aggiunto - occorre mettersi in discussione pubblico e privato». La sua ricetta dice: investire sui giovani, nello sport e nella scuola. Rivolgendosi poi agli insegnanti, ha chiesto: «Date il meglio di voi». L'assessore provinciale Giorgio Bellini, invece, non ha perso occasione per puntare il dito contro chi, tempo addietro, avrebbe voluto una Fiera biennale «e per fortuna che l’idea è stata soppressa immediatamente perché ogni anno l’evento è un valido strumento per mantenere l'identità di una comunità». Incentrato soprattutto sul terremoto, è risultato l'intervento conclusivo di Alfredo Bertelli, sottosegretario alla Regione. «La nevicata, il terremoto, la siccità - ha detto - e speriamo che sia finita, non hanno piegato il carattere degli emiliano romagnoli». Elencati i danni del sisma, Bertelli, ha assicurato che i 70.000 studenti avranno l’anno scolastico garantito poi, visto che si parla tanto di unione dei Comuni, da Argenta ha ricordato allaalto ferrarese, che rispetto agli altri territori della Regione, nulla è stato fatto e tutto ciò comporta eccezioni nelle decisione. «Il tempo, oggi, è scaduto», ha concluso aggiungendo che Ferrara può restare Provincia. (g.c.)

Trova Cinema

Tutti i cinema »

In edicola

Sfoglia la Nuova Ferrara
su tutti i tuoi
schermi digitali. Il primo mese è gratis.

Abbonati Prima Pagina
ilmiolibro

Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana