Quotidiani locali

Il Bassani americano tra lettere e scritti raccolti in un volume

Domani all’Ariostea viene presentata una raccolta curata da Antognini e Diaconescu Blumenfield di New York

FERRARA. Dopo la recente stimolante giornata di studi “Giorgio Bassani oggi - Vignatagliata 79: testimonianze da una scuola fuori dal Ghetto” ospitata dall’ateneo cittadino, ecco a Ferrara un nuovissimo contributo internazionale sugli studi bassaniani e questa volta da una università americana.

Domani pomeriggio, presso la sala Agnelli della Biblioteca Ariostea, alle 17 verrà infatti presentato da Roberta Antognini e Rodica Diaconescu Blumenfeld, del dipartimento di italiano del Vassar College, nello stato di New York il libro “Poscritto a Giorgio Bassani”, (editore Led edizioni universitarie, maggio 2012), ovvero un’ importante raccolta di saggi, frutto di una intensa collaborazione con la Fondazione Giorgio Bassani.

Ne parlerà con le curatrici e con alcuni autori presenti in sala il professor Roberto Rizzo, germanista dell’ Università di Bologna.

Il volume intende celebrare il legame del grande scrittore ferrarese con gli Stati Uniti, mettendo a confronto l'apporto della migliore critica italiana con quella di oltre Atlantico, un riconoscimento del recente importante contributo della critica “americana” agli studi bassaniani.

L’antologia raccoglie 27 interventi in italiano ed in inglese sui multiformi aspetti dell’impegno intellettuale di Bassani e si inaugura con una intervista alla figlia dello scrittore, Paola Bassani, e con una memoria di Dacia Maraini.

Di argomento americano è anche l’appendice finale, la quale contiene un’intervista inedita di Bassani rilasciata all’Istituto italiano di cultura di New York nel 1966, gli originali di due lettere scritte nel 1976, una delle quali dall’Università dell’Indiana, dove Bassani ha scritto le prima versione della poesia “Campus”, e la prima traduzione in inglese del racconto "Il concerto", apparso nella raccolta giovanile “Una città di pianura”, pubblicata con lo pseudonimo di Giacomo Marchi.

I rapporti delle due curatrici con Ferrara sono stati in questi ultimi anni molto stretti e Rodica Diaconescu Blumenfeld ha soggiornato più volte nella nostra città, per assorbirne le atmosfere e per consultare documenti presso la sede operativa della Fondazione Bassani, ospitata presso l’Istituto universitario di studi superiori (Iuss) di via Scienze.

Nella mattinata di domani, alle 11.15, le due studiose americane presenteranno l’importante pubblicazione anche al Liceo Ariosto, dove dialogheranno con gli studenti. Ospiti Paola Bassani ed alcuni degli autori dei saggi.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NUOVE OPPORTUNITA' PER CHI AMA SCRIVERE

Servizi, una redazione a disposizione dell'autore