Quotidiani locali

Aziende diverse stesso luogo di lavoro Contributi per il coworking

Bando della Camera di commercio a sostegno dell’occupazione giovanile previsto per febbraio. L’ammontare della sovvenzione non sarà inferiore a 2mila euro

«Dividono i metri di un ufficio con le scrivanie fianco a fianco, spesso si confrontano, qualche volta condividono una o più idee, di certo l'entusiasmo e la voglia di "costruirsi" un lavoro. In Italia sono ormai diverse centinaia i giovani che hanno individuato nel coworking lo strumento per uscire dalla disoccupazione - spiega in un comunicato della Camera di commercio - Non sono dipendenti di un'azienda, la stessa, ma uomini e donne che hanno trovato nella condivisione la strada per ridimensionare i costi di un'attività professionale. E non solo, ognuno cioè insegue un sogno per proprio conto ma nello scambio indotto dalla vicinanza trovano la perseveranza e la forza per andare avanti».

Nato come un fenomeno marginale, oggi il coworking è sempre di più una solida realtà. E lo sa bene la Camera di Commercio di Ferrara, che, nel prossimo bando a sostegno dell'occupazione giovanile, previsto per la fine del prossimo mese di febbraio, destinerà apposite risorse proprio per supportare aspiranti imprenditori ferraresi interessati a sperimentare questa modalità nuova di condivisione di spazi e relazioni di lavoro (sul modello di quanto già avviene con successo in altre città europee) all’interno di spazi fisici comuni. «L'ammontare del contributo – fa sapere l'Ente di Largo Castello - sarà non inferiore a 2.000 euro, poco meno dell’affitto annuale di una postazione per ogni attività da almeno dieci “coworker”. Ecco allora che il luogo di lavoro diventa fonte di creatività, e forse anche un modo per qualcuno per cambiare passo, di fronte alle tante difficoltà della crisi».

Al momento, l'unico requisito fissato per chi ne farà richiesta è quello anagrafico. «Vogliamo privilegiare i giovani che decidano di fondare una nuova impresa e non abbiano la possibilità di permettersi un locale tutto loro –– ha spiegato Carlo Alberto Roncarati, presidente della Camera di Commercio di Ferrara – ma non è escluso che in futuro la Giunta camerale possa rivedere questa valutazione». Da una prima mappatura condotta dall'Ente camerale, inoltre, è emersa la varietà delle esperienze ferraresi finora svolte. «Ognuna – ha proseguito Roncarati – ha una sua filosofia. Ci sono spazi, diciamo così, più light, che sono poco più di luoghi condivisi, altri invece, a metà tra il coworking e l'incubatore, hanno un approccio che prevede una più ampia condivisione, anche del progetto, dalla tecnologia ad esempio alla sostenibilità ambientale».

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

In edicola

Sfoglia la Nuova Ferrara
su tutti i tuoi
schermi digitali. 2 mesi a soli 14,99€

ATTIVA Prima Pagina
ilmiolibro

Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana