Quotidiani locali

Azienda Barbieri, aperta la procedura di mobilità

Poggio Renatico, ieri la sigla dell’accordo tra la proprietà e i sindacati Quattro i lavoratori che hanno già aderito volontariamente e lasceranno la ditta

POGGIO RENATICO. Aperta la procedura di mobilità all’azienda Giulio Barbieri. L’accordo è stato siglato presso lo studio del consulente del lavoro Stefano Masini che rappresentava l’azienda, alla presenza dei sindacalisti Giovanni Verla (Fiom-Cgil) e Romeo Checchinato (Fim-Cisl). L’azienda il 24 novembre scorso aveva dato formalmente avvio alla procedura di collocazione in mobilità del personale. lFissato in otto il numero massimo di lavoratori che manifestano la loro volontà di non opporsi alla risoluzione del rapporto di lavoro i quali saranno messi in mobilità (finora 4 sono i volontari). Ricordiamo che il 5 marzo presso gli uffici del Centro per l'Impiego della Provincia la ditta Giulio Barbieri e i sindacati avevano firmato un accordo per la cassa integrazione che riguardava tutti e 43 i dipendenti per la durata di 12 mesi a partire dal 10 marzo fino alla stessa data del 2015. Il calo di mercato e di fatturato, con particolare riferimento al mercato nazionale, ha assunto carattere di strutturalità con oggettive e sensibili conseguenze sul volume produttivo e sull'equilibrio economico/finanziario nonchè un aggravamento della redditività aziendali e delle condizioni di marginalità d'impresa. L’azienda nata nel 1990 per realizzare i primi modelli al mondo di gazebo in alluminio e tunnel estensibili diventando in breve tempo azienda leader nel commercio di strutture modulari in alluminio. Nel 2004 la Barbieri si è trasferita nella moderna sede di via Uccellino in comune di Poggio Renatico ristrutturando un piccolo borgo del Novecento composto da fienile, casa colonica ed altri edifici annessi. Va ricordato che nel 2010 l'azienda Giulio Barbieri,che ne è il presidente mentre il figlio Luca è il direttore di stabilimento, era stata scelta quale fornitore ufficiale Fifa per i campionati del mondo di calcio in Sud Africa dove realizzò tutti i tunnel estensibili preposti all'ingresso in campo dei giocatori negli stadi scelti per ospitare le gare della Coppa del Mondo.(m.bar.)

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori