Quotidiani locali

I crocifissi non ci sono più 23 avvocati chiedono perché

Presidente Maiorano: mai rimosso nulla, mi riferiscono che non ci sono mai stati La ‘prova del chiodo’ sulle pareti invece dice sì e anche le foto dei nostri archivi

L’appello è stato lanciato da un gruppo di avvocati al presidente del tribunale Pasquale Maiorano: «Rimettete i crocefissi nelle aule del tribunale». Crocefissi spariti e custoditi non si sa dove: questi almeno i rilievi mossi nella lettera (pubblicata a fianco) cui il presidente Maiorano darà risposta, anche se gli stessi legali, accomodanti, spiegano «ci offriamo per donarli al tribunale». In realtà, dalla verifica della Nuova Ferrara di ieri mattina, solo nell’aula F del tribunale, piano terra, è rimasto un crocefisso alla parete. In tutte le altre aule sono scomparsi, in alcune di queste (aule A e D), invece sono rimasti i chiodi che li sostenevano, come appurato dopo «la prova del chiodo» di ieri mattina. Inoltre nella stessa grande aula B, quella della Corte d’assise, il crocefisso c’era, nel lontano 1989, e lo prova la foto pubblicata qui a fianco.

Anche se questo non risulta allo stesso presidente Maiorano interpellato ieri: «Ho spiegato di non aver disposto nessuna rimozione, ci mancherebbe: ora stiamo accertando i rilievi mossi ma da quanto appurato stamane, mi hanno riferito che i crocefissi non ci sono mai stati in tribunale» (probabilmente ci si riferisce alla sua gestione, è a Ferrara da 7 anni).

«L’interessamento degli avvocati è dovuto alla preoccupazione che non fossero finiti in posti poco congrui, mi hanno detto che non vi sono nei luoghi in cui vengono custoditi il materiale degli uffici e delle aule. A loro risponderò al più presto. Se non ci sono, vorrebbero donarli? Vedremo». (d.p.)

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon