Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

«Polizia del Delta, troppe cose non vanno»

MESOLA. Una delle interrogazioni su cui prossimamente l’amministrazione Comunale sarà chiamata a rispondere riguarda l’importo dei proventi derivanti dalle sanzioni per le violazioni al codice della...

MESOLA. Una delle interrogazioni su cui prossimamente l’amministrazione Comunale sarà chiamata a rispondere riguarda l’importo dei proventi derivanti dalle sanzioni per le violazioni al codice della strada, i criteri di ripartizione degli stessi e le risorse umane messe a disposizione da ogni comune all’interno del Corpo intercomunale di Polizia Municipale del Delta, comprensivo dei Comuni di Mesola, Codigoro, Goro, Lagosanto e Fiscaglia. A porla è stato il capogruppo di Creare Futuro, Primo ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MESOLA. Una delle interrogazioni su cui prossimamente l’amministrazione Comunale sarà chiamata a rispondere riguarda l’importo dei proventi derivanti dalle sanzioni per le violazioni al codice della strada, i criteri di ripartizione degli stessi e le risorse umane messe a disposizione da ogni comune all’interno del Corpo intercomunale di Polizia Municipale del Delta, comprensivo dei Comuni di Mesola, Codigoro, Goro, Lagosanto e Fiscaglia. A porla è stato il capogruppo di Creare Futuro, Primo Marchetti. È lo stesso consigliere di minoranza a spiegarne il contenuto: «Lo scorso 17 marzo il comando di polizia municipale del Delta - spiega - ha risposto alla mia interrogazione comunicando che, nel 2014, l’importo delle sanzioni pecuniarie ammontava a 1.126.414 euro. Il criterio di ripartizione dei proventi è determinato da un 50% riferito all’accertato storico degli ultimi tre anni ed il rimanente 50% riferito al numero degli abitanti di ogni comune registrato alla data del 31 dicembre dell’anno precedente, Considerato che, per quanto concerne le risorse umane, il Comune di Goro mette a disposizione 1 agente e quello di Mesola 5, non ritengo equa la ripartizione dei proventi che per il nostro Comune è stata di 220.716, 45 euro mentre per Goro di 74.570,27 euro. Dove sta la proporzione visto che noi mettiamo in campo 5 volte il numero di agenti rispetto al comune gorese?». Ma i motivi di lamentela sono anche altri: «Lo scorso 28 gennaio - riprende Marchetti - sono stato inseguito, come fossi un malvivente, da un mezzo della polizia municipale a Bosco Mesola, mentre da Mesola mi recavo verso il centro del paese, e, dopo che mi sono fermato, mi sono sentito minacciato da un agente per una supposta mancanza di precedenza nei confronti dello stesso veicolo dei vigili alla rotonda per Goro». «Questa sciagurata convenzione - attacca Marchetti - della polizia del Delta è l’ennesimo “regalo” dell’amministrazione dell’ex sindaco Marchesini, I vigili di Mesola godono di stima e sono operatori capaci ma purtroppo si perdono nel grigiore generale e non si sarebbero comportati così nell’episodio che mi ha riguardato».

Lorenzo Gatti