Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Il santuario sarà dedicato a chi soffre per l’amianto

La Madonna della Corba, a Massa Fiscaglia, chiesa per chi combatte l’asbestosi Domani la prima messa. Sarà anche realizzato un cippo a ricordo delle vittime

MASSA FISCAGLIA. «Le persone che soffrono di malattie asbesto correlate, ovvero legate all'amianto, hanno "fame" d'aria. Sono alla ricerca di ossigeno e vorrebbero poter respirare a pieni polmoni. Questo luogo secondo noi è simbolicamente adatto per coloro che quotidianamente combattono la malattia». Il luogo in questione è il Santuario della Madonna della Corba, situato nelle campagne tra Massa Fiscaglia e Comacchio e a parlare è Alberto Alberti, presidente di Aeac (associazione esposti ami ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MASSA FISCAGLIA. «Le persone che soffrono di malattie asbesto correlate, ovvero legate all'amianto, hanno "fame" d'aria. Sono alla ricerca di ossigeno e vorrebbero poter respirare a pieni polmoni. Questo luogo secondo noi è simbolicamente adatto per coloro che quotidianamente combattono la malattia». Il luogo in questione è il Santuario della Madonna della Corba, situato nelle campagne tra Massa Fiscaglia e Comacchio e a parlare è Alberto Alberti, presidente di Aeac (associazione esposti amianto e altri cancerogeni). La chiesa verrà intitolata a coloro che hanno lavorato a contatto con l'amianto e prossimamente, accanto al luogo sacro, verrà realizzato un cippo in memoria dei defunti per malattie asbesto correlate. «L'idea è nata a inizio anno da me e Giancarlo Mucchi - racconta Alberti - L'abbiamo proposto al sindaco di Fiscaglia, che ne ha parlato con gli amministratori del territorio. Tutti sono stati d'accordo. Il secondo passaggio è stato parlare con il parroco don Guido che ha poi espresso alla curia le nostre intenzioni. Anche loro hanno accettato la proposta e quindi il Santuario della Madonna della Corba verrà dedicato a tutti coloro che hanno lavorato a contatto con l'amianto». Qui ognuno può «ritagliarsi il proprio spazio, la propria privacy e raccogliersi in preghiera», aggiunge Alberti. La prima messa solenne si svolgerà domani alle 11, in occasione della Giornata mondiale vittime dell'amianto. L'iniziativa, realizzata in collaborazione tra Aeac e Anmil (Associazione nazionale mutilati e invalidi del lavoro), si svolgerà alla presenza delle autorità locali e del vice presidente nazionale di Anmil. Invitati anche i rappresentati delle varie sigle sindacali. Le attività delle due associazioni non si fermano però "solo" alla commemorazione anzi, quotidianamente svolgono attività di informazione e tutela nei confronti di cittadini e lavoratori che vogliono approfondire l'amara tematica. «Da maggio insieme ad Anmil verranno aperti gli "sportelli amianto" a Rovigo, Padova e Venezia. A Ferrara questo sportello c'è già e fornisce assistenza sia sanitaria sia legale alle persone che sono state esposte all'amianto. Se - conclude il presidente di Aeac - anche gli sportelli di prossima apertura funzioneranno bene come quello di Ferrara, se ne potranno aprire altri: sarebbe importante». Gli sportelli Aeac nel Ferrarese sono attivi il primo mercoledì del mese a Migliarino, il secondo mercoledì a Migliaro e il terzo martedì a Fiscaglia: dalle 9 alle 12 nelle sedi municipali. Il venerdì, alla stessa ora, si riceve nella sede Anmil in via Contrada della Rosa Ferrara 48.

Samuele Govoni