Quotidiani locali

Ora è guerra aperta tra Pd e sindaco che si ricandiderà

Dura presa di posizione del partito sulla festa del I Maggio La replica di Ferrari: «Pensassero ai problemi del Comune»

FORMIGNANA. Le celebrazioni del I Maggio a Formignana scatenano un caso politico fra il Pd ed il sindaco. Venerdì, durante il tradizionale appuntamento della festa del lavoro, ha visto il primo cittadino intervenire alla cerimonia organizzata dalla Pro Loco. E qui ecco le polemiche...

“Il deplorevole comportamento che il sindaco di Formignana ha tenuto venerdì, in quanto non riteneva opportuno far parlare i due assessori presenti, addirittura strappando il microfono al vicesindaco Gloria Tinozzi con delega all’associazionismo, per impedirle di ringraziare le associazioni che si sono impegnate per questa festa, è un gesto che riteniamo inqualificabile e come tale va rimproverato. Deprecabile soprattutto per chi come lei è il primo cittadino, dimostrando di esserlo solo di nome ma non nei fatti e nelle aspettative di chi lo ha eletto ed appoggiato democraticamente e lealmente. Fortunatamente il Presidente della Pro Loco, Giuliano Taddia, con prontezza di spirito rimediava all’inqualificabile comportamento di Ferrari, dando la parola ai due assessori».

Questo il duro comunicato di Roberto Spiandorello, segretario del Pd di Formignana.

Dura la replica di Ferrari: «Il sindaco decide chi deve parlare e in giunta avevo precisato che lo avrei fatto solo io. Per dieci anni - aggiunge - sono stato in giunta con il sindaco Montani ed a queste cerimonie mai sono intervenuto. Allo stesso modo altri sindaci della zona fanno così, per evitare cerimonie troppo lunghe. Anzi, in questo modo non ha parlato l’imprenditore Mauro Bersanetti (Avicola Artigiana, ndr), unica azienda locale all’Expo. In realtà all’assessore Perelli non interessava intervenire, in compenso il Pd (presente in gran numero nella Pro Loco) voleva dare uno spazio importante all’altro assessore Tinozzi che ha ormai iniziato la campagna elettorale».

E non è tutto: «Inoltre - precisa Ferrari -, al Pd avevo detto di essere d’accordo sulla Perelli prossimo sindaco, ma visto che si ostinano a voler puntare sulla Tinozzi ed a questo punto ho deciso che mi ricandido. Il Pd dovrebbe aiutare a risolvere i problemi del Comune di Formignana...».

Sulla vicenda interviene anche l’assessore Laura Perelli: «È vero, doveva parlare solo il sindaco, ma soprattutto doveva intervenire Bersanetti, al quale chiedo scusa a nome di tutta, ma proprio tutta, l’amministrazione comunale di Formignana. Episodio increscioso, non dico altro». (d.b.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori