Quotidiani locali

lagosanto - protesta dopo l’incidente

«Quell’incrocio simbolo di morte»

LAGOSANTO. A meno di 48 ore dalla sua creazione il gruppo social Una Luce per la Vita, creato da alcune persone laghesi per ricordare Orianna Bigoni, deceduta in un incidente stradale lo scorso...

LAGOSANTO. A meno di 48 ore dalla sua creazione il gruppo social Una Luce per la Vita, creato da alcune persone laghesi per ricordare Orianna Bigoni, deceduta in un incidente stradale lo scorso lunedì sulla Romea, all'altezza dell'incrocio di Rotta Zambusi a Lagosanto, conta già circa 400 iscritti. Quasi tutta la Lagosanto del web ha risposto in modo deciso e grato all’inserimento del gruppo nato per dar voce ad un malcontento legato alle condizioni di pericolo che sono associate all’incrocio di Rotta Zambusi, dove nel corso degli anni, si contanti diversi morti e molti feriti, e cercare conforto al dolore per la perdita della 67enne Orianna. Mentre ancora non è stata fissata la data del funerale della donna che è deceduta mentre si trovava in auto con il marito, Iglis Finessi, 67enne, rimasto lievemente ferito, la decisione di attuare una forma di protesta forte e plateale aumenta e trova forza cavalcando la potente onda mediatica dei social network. La base del gruppo, supportata dagli altri iscritti, sta lavorando per poter effettuare una fiaccolata di protesta e ricordo, che arrivi alla Romea, a Rotta Zambusi. Chi ha voluto e creato il gruppo ha preso contatti anche con la Protezione Civile di Lagosanto per cercare di capire come dar forma e forza alla protesta sulla statale Romea, senza incorrere in conseguenze pericolose o dannose per qualcuno. Sempre nel gruppo è stato pubblicato un post di solidarietà all’altra persona coinvolta nell’incidente costato la vita ad Orianna, ribadendo la propria vicinanza a chi sta vivendo momenti terribili seguiti al tragico schianto su di un incrocio che è sempre stato pericoloso, con troppi incidenti sulle spalle e che adesso fa veramente paura. Ma la gente di Lagosanto è determinata a muoversi per far si che qualcosa possa cambiare, perché tragedie, per mancanza di sicurezza, come quella costata la vita ad Orianna, non debbano più accadere. (m.r.b.)

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori