Quotidiani locali

Dopo una lunga giornata l’apericena è d’obbligo

Si balla fino a sera sulle spiagge dei Lidi sorseggiando aperitivi e mangiando Intanto impazzano i tatuaggi: “My hood is Comacchio” quello più originale

LIDO NAZIONI. È esplosa l’estate ai Lidi, ma anche la voglia di leggerezza con un pizzico di fantasia e originalità. Dai lidi sud a quelli nord è diventata contagiosa la moda dell’apericena sulla sabbia, lasciandosi accarezzare dalla brezza marina, in compagnia di amici e di un coinvolgente repertorio musicale. Al Bagno Albatros del Lido delle Nazioni la disco degli anni ’80 e ’90 la fa da padrona davanti al gazebo che si affaccia sulla battigia, mentre giovani e meno giovani sin dalle ore 18, con bicchiere sormontato da spiedini di frutta o da foglie di menta, si lanciano in balli sfrenati. «L’orario dell’aperitivo è quello in cui si sta meglio in spiaggia - commenta Riccardo Zaghi - e con 3 euro se prendi il prosecco o con 6 euro se preferisci il cocktail, puoi assaggiare tutto quello che prepara la casa, dalle tartine, alla pasta fredda e stasera c’è anche piadina con salsiccia». L’orario dell’apericena, che qualcuno ha pensato già di contrarre in apicena, complice il caldo, si è decisamente spostato sino alle 21 e oltre sulle spiagge dei lidi. «Con 5 euro prendiamo un lettino – commenta Chiara Sostaro – e con 15 euro prendiamo un ombrellone e due lettini, poi a sera l’aperitivo si trasforma in un’occasione per cenare con gli amici in spiaggia a prezzo contenuto». Ida Stejskalova, biondissima di Praga, appassionata dei brani disco in voga negli anni ’80, tra un ballo e l’altro sulla pedana in spiaggia, puntando il dito indica gli amici. «Siamo una comitiva numerosa – dichiara la giovane – e c’è chi arriva da Imola, da Bologna, da Ferrara e anche dai paesi qui vicini». Se c’è chi durante l’apericena ostenta la bevanda più colorata, c’è anche chi mette in mostra, insieme ai bicipiti il tatuaggio con lo sguardo magnetico di Sofia Loren ai tempi de “La donna del fiume” o un gigantesco “My hood is Comacchio”, un inno alla terra natale che Manuel Fogli, ha voluto scolpire a chiare lettere sulla schiena.

La spiaggia per qualcuno è anche occasione per ritrovare gli amici prima dell’aperitivo e concedersi magari un giro a bordo del motoscafo, sino all’isola dell’amore, come fanno Giancarlo Realdini di Poggio Renatico, Angelo Franchini del Lido delle Nazioni, Mauro Riberti di Lagosanto, anche loro conosciutisi in spiaggia con le rispettive famiglie.

Katia Romagnoli

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon