Quotidiani locali

La maggioranza rinuncerà ad ogni tipo di compenso

Tresigallo, assessori e consiglieri devolveranno gli importi in utilità sociali Brancaleoni: «Faremo un buon lavoro e realizzeremo il programma»

TRESIGALLO. In una sala consiliare con l'area riservata al pubblico strapiena come mai era accaduto in passato, martedì sera si sono insediati il nuovo consiglio comunale e la giunta presieduta dal sindaco Andrea Brancaleoni, 53 anni. La massiccia presenza popolare (con la seduta trasmessa su You Tube) rispecchiava grande curiosità e attesa nella città del '900, per il nuovo governo locale che ha rivoluzionato il panorama amministrativo.

Dopo oltre 50 anni di potere del centro sinistra nelle sue diverse evoluzioni storiche (con giunte Pci, Pci-Psi, Pds, Ds e Pd in varie liste civiche) ora governerà il paese Brancaleoni: alla testa della maggioranza civica “ Noi siamo per cambiare”. La minoranza “ Progresso e solidarietà per Tresigallo”, sarà guidata da Paola Pusinanti, 37 anni, neo capogruppo consiliare che nel suo intervento ha detto: «Stimo Brancaleoni come persona. È stata una competizione elettorale dura, Con altri esponenti della maggioranza avrò più' difficoltà. Faremo fino in fondo il nostro ruolo di opposizione ferma, in modo leale-queste le sue parole-vigileremo ma con grande apertura su ciò che andrà a favore dei cittadini».

Dal canto suo Brancaleoni (il capogruppo consiliare è Simone Mazzini, che ha parlato del nuovo sito del comune) nel presentare la giunta, e l'omaggio di un fiore a tutte le neoelette, dopo il giuramento di rito alla Repubblica e gli adempimenti di legge ha detto : «Faremo un buon lavoro grazie ad una bella squadra, con il 30% di donne. La prima riunione di giunta in programma (oggi per chi legge ndr) con il concorso dei funzionari comunali.

Nel segno della continuità su investimenti utili (come per il sostegno della disabilità nelle scuole) e in prospettiva sul tema della fusione tra i comuni di Tresigallo e Formignana, cui crediamo, e se possibile con Jolanda di Savoia. Che aggiungere? Realizzeremo il programma votato col 57% dagli elettori. Confermiamo infine la rinuncia al gettone di presenza e compensi per assessori e consiglieri, i cui fondi andranno per interventi di utilità sociale locale». Un punto questo votato in modo unanime dal consiglio, e accolto con applausi dal pubblico presente. Voto unanime anche su altri punti tecnici e i progetti della quota a parte (47 mila euro) del comune nell'ambito dell'Unione. Oltre a Brancaleoni e alla Pusinanti, sono intervenuti il vicesindaco Mirko Perelli, la responsabile di ragioneria Paola Albieri su atti del bilancio. Eletti quindi le commissioni elettorale, dei Giudici popolari e i rappresentanti locali nel Consiglio dell'Unione: oltre a Brancaleoni, per la maggioranza Nicola Azzalli e Paola Marchi e Paola Pusinanti per la minoranza.(f.c.)

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro