Quotidiani locali

Energia pulita e ciclabili ecco la rimonta ‘verde’

Ferrara guadagna 30 posizioni nella classifica nazionale di Legambiente Smog, produzione rifiuti e sprechi d’acqua restano i punti deboli della città

Città di Ferrara un po' più verde secondo la classifica di Legambiente. In Ecosistema urbano 2016, il contenitore di tutti gli indicatori ambientalisti curato dalla storica associazione, si piazza infatti al 27esimo posto, il terzo tra le città emiliano-romagnole dopo Parma e Ravenna. Il miglioramento rispetto alle ultime due classifiche è notevole, in quanto nel 2015 Ferrara era al 57esimo posto mentre l'anno precedente aveva toccato il punto più basso, con una pesante 67ª posizione. «Il risultato complessivo ci soddisfa - ha commentato Anna Rosa Fava, portavoce del sindaco Tagliani - È un risultato mai raggiunto negli ultimi anni che dimostra come le strategie messe in campo hanno funzionato». La graduatoria 2016 premia le piccole città del centro-nord, visto che il testa c'è Macerata e sul podio anche Verbania e Mantova; ultimo posto per Vibo Valentia, con Frosinone e Palermo appena sopra.

Per quanto riguarda le classifiche parziali, resta una zavorra la maxi-produzione pro-capite di rifiuti urbani (696 chilogrammi all'anno, 93esimo posto), che da sempre a livello regionale viene spiegata anche con i diversi criteri di classificazione dei rifiuti rispetto ad altre realtà regionali. Un po' meglio la differenziata (40esimo posto, 54,3% nel capoluogo). Il miglioramento è dovuto in parte al primo posto, a pari merito con altre 23 città, per la copertura da fonti rinnovabili insediate sul territorio del fabbisogno energetico delle famiglie, una novità della graduatoria di quest'anno: siamo addirittura ad una copertura del 100%. L'inquinamento da polveri sottili resta elevato, 31,5 microgrammi in media giornaliera che valgono il 66esimo posto, ma le altre città emiliane stanno anche peggio; situazione simile in graduatoria per quanto riguarda l'ozono.

Anche sul fronte delle dispersioni sulla rete idrica Ferrara sta nell'ultimo terzo dell'Italia, con un roboante 38,8% a livello comunale, un dato davvero pesante e sorprendente, visto che Hera evidenzia sempre la mole d’investimenti fatta in questi anni; e siamo un po' spreconi anche con l'acqua per usi domestici, visto che ne consumiano 151,1 litri per abitante al giorno.

Bene l'impiego modesto di auto in città, che riguarda “solo” il 44% dei cittadini (ottavo posto a livello nazionale), benissimo l'indice di ciclabilità (19,97 metri di piste ogni cento abitanti, settimo posto), mentre i metri quadrati di area pedonale non sono più al top a livello nazionale: 0,28 con annessa 43ª posizione. (s.c.)

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista