Quotidiani locali

Vai alla pagina su Delitto di Pontelangorino
La reazione al delitto

È il giorno delle fiaccole, Pontelangorino elabora il lutto

Stasera l’iniziativa della parrocchia. Il sindaco: incontri con le famiglie

PONTELANGORINO.I sindaci del territorio, così come amministratori, educatori e insegnanti vogliono dare un segnale forte e diretto, partecipando questa sera alle 21 alla fiaccolata e rispondendo senza esitazioni all’appello di don Marco, parroco di Pontelangorino. «Ci sono momenti in cui la comunità ha bisogno di ritrovarsi, anche solo stando in silenzio e camminando tutti nella stessa direzione - spiega il primo cittadino di Codigoro Alice Zanardi - Quanto successo non può essere spiegato, è un dolore troppo forte e diverse sono le famiglie coinvolte». Come amministrazione «stiamo organizzando una iniziativa pubblica forse già nei prossimi giorni che vedrà una serie di incontri con genitori e ragazzi guidati dagli esperti. Lo scopo è quello di arrivare ad elaborare quanto accaduto, così come stanno già facendo all’interno delle scuole gli psicologi presenti».

leggi anche:

La tragedia che continua a scuotere gli animi non solo degli abitanti della popolosa Frazione codigorese di Pontelangorino, non ha dunque fatto ancora spegnere i riflettori sull’efferato duplice omicidio di Salvatore Vincelli e Nunzia di Gianni. Così per commemorare le due vittime il prete ha pensato ad una fiaccolata. Il raduno è previsto alle 21 nell’area antistante la casa in cui è stato consumato il duplice omicidio, in via Fronte primo Tronco 100 e si snoderà lungo le vie del centro frazionale fino alla chiesa della frazione. Gli organizzatori chiedono di portare un fiore commemorativo, ed ai frontisti e a quanti vorranno farlo, «per cortesia accendete un lume alle vostre abitazioni, in modo di accompagnare nella luce il loro ricordo».

leggi anche:

All’iniziativa di solidarietà e partecipazione, hanno garantito la presenza il presidente della Provincia e sindaco di Ferrara, Tiziano Tagliani, i consiglieri regionali, Marcella Zappaterra e Paolo Calvano. Luigi Vitelio, segretario provinciale e quasi tutti i sindaci del territorio, a testimonianza che la comunità di questa parte di territorio provinciale è coesa e solidale. Anche gli uomini dell’Arma confermano la loro partecipazione. Quindi all’interno della chiesa, il parroco, don Marco Polmonari, leggerà una lettera del Vescovo, Luigi Negri.

«La mia comunità è ferita - racconta don Marco - e non sarà facile riprendere la normalità. Ci siamo trovati nell’occhio del ciclone, abbiamo perso il filo. Occorre tornare sui binari, stare vicini e pensare al dolore di due famiglie adesso distrutte». Agli amici dei due ragazzi don Marco rinnova l’invito «a tornare in parrocchia, così come quando eravate piccoli e la domenica per voi era un momento importante e atteso. Ci sono tante cose da fare qui, ci si può divertire e stare insieme». Chissà cosa succederà nelle prossime settimane. Chissà se quanto successo potrà servire a far capire che andare a scuola, studiare, avere un confronto costruttivo con gente adulta alla fine è una cosa molto bella. Chissà se i ragazzi di Pontelangorino, insieme, inizieranno a chiedere un centro di aggregazione, uno spazio dove trovarsi, un cinema. Perché è facile dire “tanto sono adolescenti”. Più difficile è cercare di dare qualcosa a questi adolescenti.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro