Quotidiani locali

xii morelli

«Ciao Michael, angelo tornato in cielo»

Applausi, campane a distesa e musica ai funerali del bimbo di sei anni. La mamma: oggi finalmente sta bene

XII MORELLI. «Ciao Michael, vola felice sulle ali del mondo. Rimarrai per sempre il nostro guerriero. Ci rivedremo presto per correre e giocare insieme». Ieri pomeriggio tutta la comunità si è stretta alla famiglia Sanguin, per l'ultimo commosso saluto al piccolo Michael, scomparso venerdì scorso all'età di 6 anni. Nella chiesa di XII Morelli, sono arrivati in tanti, da tutto il Centese e dai paesi limitrofi, per portare cordoglio e sostegno a mamma Gloria, papà Manuel, ai fratelli Fabian, Samuel e Arianna, e a tutti i parenti. In prima fila il sindaco Fabrizio Toselli con i rappresentati di forze dell'ordine e volontariato; accanto all’altare il gonfalone del Comune di Cento e le bandiere di Croce Rossa, Anc, Ana Protezione civile e Aeop.

"Ciao Michael, angelo tornato in cielo" A XII Morelli applausi, campane a distesa e musica ai funerali del bimbo di sei anni. La mamma: oggi finalmente sta bene. Video Filippo Rubin. Leggi l'articolo

Poi tanti amici, la scuola e il mondo dello sport e dell'associazionismo, protagonisti in questi anni di una staffetta di solidarietà, che hanno partecipato ieri al funerale del bambino che, affetto fin dalla nascita da una patologia rarissima, una malattia metabolica mitocondriale, non ha retto all'ennesima battaglia. Davanti al feretro bianco, il disegno dei compagni di scuola: i bambini hanno voluto salutare Michael con la gioia dei colori e posando un fiore davanti all'altare. In una chiesa gremita, la preghiera di padre Paolo: «Michael se n'è andato con grande dignità. Sono stati 6 anni di vita intensi, per lui, la sua famiglia e per la comunità di XII Morelli che si è mobilitata in una corsa di solidarietà. Michael era ed è importante: ha lasciato una scia di luce che non potrà mai essere dimenticata». In tanti ieri hanno voluto testimoniare, con la propria presenza, il coraggio di una famiglia che non si è mai arresa e che ha lottato fino all'ultimo per alleviare le sofferenze di Michael. Trattenendo a stento le lacrime, le parole d'amore e di coraggio della mamma: «Per tanti anni, siamo stati la voce e le gambe di Michael, e lo siamo anche oggi. Intanto grazie per essere qui e per tutto quello che avete fatto nei suoi 6 anni di vita. Per aver creduto in lui e sperato insieme a noi di poter trovare una cura. Con tutto quello che abbiamo fatto, gli abbiamo di sicuro allungato la vita. In questi anni, Michael ha aiutato non solo noi a essere persone migliori, ma anche tante persone e bambini. È stato un dono meraviglioso che il Signore ci ha voluto dare e di cui sono orgogliosa. Ho avuto la possibilità di conoscere il mio angelo e di poterlo abbracciare. Ma era un angelo troppo prezioso, che il Signore ha rivoluto con sé». Tra la commozione di tutti, Gloria ha poi parlato di Michael: «Lui affrontava tutte le sofferenze come un leone, come un guerriero. È così che lui vorrebbe che noi oggi fossimo, guerrieri nell'affrontare ogni giorno la vita». Ma il saluto di ieri, è solo un arrivederci: «Lo rivedremo tutti, e insieme a lui potremmo correre e giocare, cosa che lui non ha mai potuto fare. Oggi per lui deve essere una festa, perché oggi finalmente sta bene e può vivere una vita degna di essere chiamata vita». In piazza poi, l'ultimo saluto con una delle canzoni preferite di Michael: “Guerriero” di Marco Mengoni. Un momento intenso segnato da uno scroscio di applausi, dal lancio dei palloncini, e dalle campane che hanno suonato a festa. Per salutare Michael, «un angelo che è tornato in Paradiso».

Beatrice Barberini

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SPEDIZIONI FREE

Stampare un libro, ecco come risparmiare