Quotidiani locali

In procura la vedova del barista  

Killer in fuga, gli investigatori hanno chiesto alla donna informazioni sull’assalto al locale

ARGENTA. Maria Sirica, la vedova di Davide Fabbri, il barista ucciso la sera del primo aprile nel suo locale a Riccardina di Budrio, è stata sentita dal pm Marco Forte e dai carabinieri che indagano sull'omicidio. Per il delitto è indagato Igor/Norbert Feher, latitante e accusato anche dell'assassinio, esattamente due mesi fa, della guardia ecologica volontaria Valerio Verri, nel Mezzano.

Alla donna, assistita dall'avvocato Giorgio Bacchelli, è stato chiesto di precisare meglio quanto successo nel bar-tabaccheria quando il killer entrò, fu disarmato del fucile da caccia dal barista che poi lo colpì con l'arma, ma fu ucciso da un colpo di pistola sparato quasi a bruciapelo. Gli investigatori hanno chiesto per quale motivo, secondo lei, per la rapina sia stato scelto proprio il bar Gallo, in un'isolata frazione della Bassa bolognese e cosa il killer si aspettasse di trovare all'interno.

Intanto continuano nell’area tra Bolognese eArgentano le ricerche di Igor/Norbert, ormai in fuga da due mesi.

L’area è perlustrata continuamente dai carabinieri e nei giorni scorsi il il generale Adolfo Fischione, comandante regionale dei carabinieri, parlando di Igor Norbert Feher, si è detto convinto che il killer sarà catturato e che l’attenzione è rivolta in particolare alla “zona rossa” perché è l’area che il ricercato ha frequentato a lungo da quando è in Italia. Ricerche che vedono sul campo fra Argenta e Molinella anche gli uomini dei reparti scelti dell’Arma.



TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori