Quotidiani locali

LIDO ESTENSI

Finisce in una buca e rischia di annegare: lo salvano due turisti

Un 24enne ha lottato tra la vita e la morte Intervenuti a nuoto anche i bagnini della Cus salvataggio

Il salvataggio nel Logonovo Le immagini immediatamente successive al salvataggio di un bagnante che sabato si è gettato nelle acque del canale Logonovo a Lido Estensi LEGGI L'ARTICOLO

LIDO ESTENSI. Un 24enne di Bologna in vacanza al Lido degli Estensi con la fidanzata, è stato strappato alla morte nella tarda mattinata di ieri da un turista di Finale Emilia che è riuscito a trascinarlo a riva, dopo un’incauta immersione nelle acque del canale Logonovo. Il ragazzo è stato rianimato sul posto prima da un turista e quindi dai bagnini del Cus che hanno atteso l’arrivo del 118. Il 23enne è stato portato con l’elisoccorso all’ospedale di Cona.



A lanciare l’allarme, intorno alle 12.45 la ragazza che si era appena immersa con il giovane turista per un bagno refrigerante nelle acque antistanti la sponda del canale, sul lato del Lido di Spina, esattamente dove da sempre vige il divieto di balneazione proprio per le forti correnti e la particolarità del canale stesso. Da sottolineare che ieri, a causa del vento e delle onde, sulle spiagge i bagnini avevano issato la bandiera rossa e comunque non prestano servizio in quella zona. Nonostante questo, i ragazzi del Cus al lavoro dal lato di Lido Estensi si sono tuffati e hanno raggiunto la riva opposta, dando manforte al turista che intanto lo aveva tratto in salvo.

Il 23enne è dunque entrato in mare e deve essere caduto in una delle buche presenti in tutto il canale, non riuscendo più a risalire. «L’ho visto andare giù - racconta la compagna - ho provato a dargli la mano, ma non ci sono riuscita ed ho iniziato a chiamare aiuto», dice ancora visibilmente scossa. La donna ha cominciato a urlare e chiedere aiuto e per fortuna sulla piccola spiaggia c’era un turista di Finale Emilia, Giuseppe Gargiulo, che non ha esitato a tuffarsi, aiutato da un’altra persona. I due sono riusciti a tirare fuori il ragazzo dall’acqua e Gargiulo ha anche praticato le manovre di primo soccorso direttamente sulla battigia. Intanto gli altri bagnanti hanno chiamato l’ambulanza e sul posto è arrivato anche l’elisoccorso da Ravenna.

Chiamati anche i carabinieri di Comacchio e i marinai della Guardia costiera di Porto Garibaldi, seguiti dei vigili del fuoco di Ferrara che hanno poi battuto in lungo e in largo il canale per una sorta di mappatura.

«Non posso far altro che ringraziare quel signore che lo ha salvato - ha detto bianca in volto la ragazza - dobbiamo tutto a lui e al suo coraggio». Dopo circa trenta minuti in ambulanza, il ragazzo è stato portato a Ferrara dove già verso sera mostrava buoni segni di ripresa.
 

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon