Quotidiani locali

1000 km per la vita

Simona, verso Santiago tra spiagge, ermiti, colline e tradizioni locali

Resoconto della quarta settimana del viaggio della camminatrice ferrarese. Vedute spettacolari e stupendi paesaggi. Superati i 700 km a piedi

Mille chilometri di salute: tappa a Bilbao Simona Montanari e il marito Michele Carassiti sono arrivati a Bilbao percorrendo i loro "1000 chilometri per la vita". Eccoli davanti alla spettacolare architettura del museo Guggenheim.LEGGI L'ARTICOLO

CAMMINO PER SANTIAGO. Quarta puntata del viaggio della ferrarese Simona Montanari e del marito Michele Carassiti, che da un mese stanno percorrendo il Cammino del Nord verso Santiago de Compostela per lanciare il messaggio "1000 km per la vita". Simona ha affiancato alle terapie a cui si è sottoposta per una grave malattia l'amore per lo sport "e per la vita - aggiunge - perché da un momento difficile della vita ci si può rialzare più forti di prima e lei può sorprenderci regalandoci nuove opportunità. Ringrazio tutti gli enti e attività che hanno deciso di supportare questa iniziativa". Ecco il resoconto della quarta settimana di cammino.

Camminata per la vita: la meraviglia di Ponte Colgante Tra Bilbao e l'oceano atlantico: Simona Montanari e Michele Carassiti nel corso della Camminata per la vita sono arrivati al Ponte Colgante, realizzato a Eiffel (lo stesso della Torre...) e che collega le città di Portugalete e Las Arenas.LEGGI L'ARTICOLO

Il 28 luglio la coppia si è addentrata "nel cuore delle Asturie e per immergerci maggiormente, stiamo assaggiando i prodotti tipici - scrive Simona Montanari - Ieri sera il formaggio "cabrales", simile al nostro gorgonzola ma molto più saporito e oggi il sidro artigianale che ci é piaciuto molto. Dato che i Picos trattengono l'umidità dell'Oceano e le nuvole, qui nelle Asturie il clima é più umido e quando c'è il sole, spesso non c'è vento, per cui si cammina con l'afa". Tra afa e stanchezza, camminando, lo sguardo ha incrociato "i primi horreos, costruzioni tipiche della zona, che in passato venivano utilizzati per conservare gli alimenti lontano dagli animali e all'asciutto e che oggi in molti casi, sono stati restaurati e recuperati per uso abitativo". 

Il Cammino di Simona, "1000 km per la vita" (San Sebastian) Simona Montanari, 41 anni, ferrarese, ha iniziato il suo viaggio "1000 km per la vita". E' partita da Dax in Francia l'8 luglio scorso, e percorrerà il Cammino del Nord fino a Santiago de Compostela in Spagna. Il suo messaggio è che lo sport è un toccasana per la salute. Nel 2012 si era ammalata di tumore e, mentre si curava, aveva iniziato a praticare il nordic walking, di cui è dioventata istruttrice. Qui dopo la partenza da San Sebastian, in Spagna.LEGGI L'ARTICOLO

Il 29 luglio Paya de Vega, una delle 5 spiagge "bellissime" incontrate dopo aver lasciato Camango. "Come in Cantabria ci siamo ritrovati a camminare anche su scogliere che cadevano a strapiombo sull'Oceano - prosegue il racconto di Simona - Verso sera, ci siamo di nuovo allontanati dalla costa e un lungo sentiero perso in mezzo ad un paesaggio agreste, ci ha portato a Colunga che ha segnato l'arrivo di questa giornata".

Da Castro Urdiales a Llanes in un paesaggio da sogno/2 Nel video alcuni scenari del Cammino del Nord, verso Santiago de Compostela, nella terza settimana di viaggio a piedi della ferrarese Simona Montanari e del marito Michele Carassiti. Il loro obiettivo è far conoscere il valore dello sport che rinforza il corpo e la mente e aiuta a mantenere lo stato di salute anche dopo una grave malattia con il progetto "1000 km per la vita"

Il 31 luglio partenza da Villaviciosa e arrivo a Gijon, 30 km con 1600 metri di dislivello. "L'arrivo a Gijon ci ha ricordato l'arrivo a Bilbao, la città ci ha accolto con una tempesta di pioggia e vento ma almeno ci ha risparmiato la grandine - annota la camminatrice ferrarese -  Oggi a otto km dalla partenza, abbiamo trovato un ermita aperto, con tanto di timbro a disposizione dei pellegrini e un quadernino su cui lasciare un pensiero. A fianco dell'ermita c'era un banchetto allestito gratuitamente da una signora che abitava lì vicino con frutta e bevande a disposizione dei pellegrini. L' ermita era anche in prossimità di un bivio di due cammini: il nostro che proseguiva per Gijon e il cammino primitivo che devia per Oviedo e si ricongiunge al cammino francese. Bivio - commenta Simona Montanari - è parola pesante che porta in sé riflessioni, paure, speranze, felicità e delusioni". 

leggi anche:

Il 3 agosto la coppia ha superato i 700 km percorsi. "Ma ne mancano ancora ben 400! - ricorda Simona - Per la stanchezza che abbiamo ci sembra impossibile riuscire a camminare ancora per altre due settimane eppure giorno dopo giorno, un po’ alla volta, riusciamo a fine giornata ad arrivare alla meta.Oggi é stata una delle tappe più lunghe, 33 km tutti su asfalto e 2000 metri di dislivello ma quando dopo una curva mi hanno tagliato la strada tre cuccioli di cane, usciti da un cortile e uno é corso da me per ricevere delle coccole, il mio cuore si é riempito di gioia e in quel momento la stanchezza non l'ho più sentita".

 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics