Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Il Comune vende le azioni della Banca Popolare Etica

Codigoro, l’ente ritiene che la partecipazione non produca servizi indispensabili M5S e Obiettivo Comune ne avevano chiesto il mantenimento: astenuti al voto

CODIGORO . Anche il Comune di Codigoro, nel corso del recente consiglio comunale, ha provveduto ad effettuare la revisione straordinaria delle società partecipate, sia direttamente che per interposta altra società. Ora integrati con i due consiglieri Psi, Marco Finotti e Francesco Fabbri, usciti dalla coalizione di maggioranza. Il provvedimento, a fronte di otto società a partecipazione diretta, ha disposto di procedere all’alienazione dell’esigua partecipazione, pari a mille e 575 euro, nel ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

CODIGORO . Anche il Comune di Codigoro, nel corso del recente consiglio comunale, ha provveduto ad effettuare la revisione straordinaria delle società partecipate, sia direttamente che per interposta altra società. Ora integrati con i due consiglieri Psi, Marco Finotti e Francesco Fabbri, usciti dalla coalizione di maggioranza. Il provvedimento, a fronte di otto società a partecipazione diretta, ha disposto di procedere all’alienazione dell’esigua partecipazione, pari a mille e 575 euro, nella Società Banca Popolare Etica, in quanto non produce servizi indispensabili per il perseguimento delle finalità istituzionale del Comune. L’alienazione della partecipazione avverrà mediante il riacquisto delle azioni possedute dal Comune da parte della stessa Banca Etica che, non essendo quotata, ha costituito un fondo di riserva per acquisto di azioni proprie. Su questo punto il consigliere 5Stelle, Matteo Mingozzi, ne aveva invece chiesto il mantenimento proprio per l’attività della banca, che provvede alla raccolta del risparmio ed all’esercizio del credito con l'intento di perseguire i principi della finanza etica. Per questo, a seguito del non accoglimento della richiesta, è stato dichiarato dal gruppo pentastellato il voto di astensione anche del consigliere di Obiettivo Comune. Invece le società a partecipazione diretta mantenute sono Cadf Spa (12,45%), Delta 2000 (7,04), Hera (0,036%), Sipro Spa (0,44%), Lepida Spa (0,0016%), Area Spa (12,70%) ed Area Impianti Spa (12,50%). Invece, delle società a partecipazione indiretta ancora inserite nell’elenco partecipate del Comune, risulta solo Delta Web, per il tramite di Cadf Spa, di cui il Comune detiene una quota del 12,45%. (pg.f.)