Quotidiani locali

Consiglio provinciale 

I progetti: Area vasta e uscita dalle aziende partecipate

«Sono diverse le ragioni storiche di collaborazione tra i territori di Ferrara, Bologna e Modena: pensiamo ai trasporti e sanità con Bologna e al Ducato estense e Cispadana con Modena». Così il...

«Sono diverse le ragioni storiche di collaborazione tra i territori di Ferrara, Bologna e Modena: pensiamo ai trasporti e sanità con Bologna e al Ducato estense e Cispadana con Modena». Così il presidente della Provincia, Tiziano Tagliani, ha motivato le basi che sorreggono il protocollo d’intesa tra le Province di Ferrara e Modena, insieme con la Città metropolitana di Bologna «per uno sviluppo intelligente – così il titolo dell’accordo – attrattivo, sostenibile e inclusivo, in una dimensione strategica nazionale ed europea». Trasporti, logistica, cultura, formazione, università e innovazione, sono alcuni ambiti in cui ora, grazie al protocollo, si rafforza il livello di collaborazione tra i tre territori emiliano-romagnoli, con l’intento, anche, di tradurre in azioni concrete il concetto stesso di area vasta.

«Un accordo dunque – ha ricordato il presidente della Provincia – teso a creare occasioni per lo sviluppo di Ferrara in una logica di apertura e di scambio di esperienze e conoscenze». La delibera è stata approvata all’unanimità dal Consiglio provinciale. Trattato il tema della fuoriuscita della Provincia dalle aziende partecipate, in omaggio alle indicazioni di dimagrimento degli enti locali provenienti dall’insieme della riforma della pubblica amministrazione a firma del Ministro Marianna Madia. Un percorso che si ritrova rinforzato anche dal mutato quadro di compiti e funzioni fondamentali, delimitati alle Province a seguito della riforma Delrio.

Le società interessate dalla exit strategy del Castello Estense sono: Delta 2000 (con una quota della Provincia di Ferrara di 35.381,50 euro, pari al 23,59 per cento del capitale sociale) , Banca etica (2.625 pari allo 0, 0047), Tper (688.737 pari all’1,01 per cento), Ferrara Fiere (24.960, pari al 16 per cento), Ervet (la società regionale per la valorizzazione del territorio, con 479,88 euro pari allo 0,006 per cento) e Sipro (1.312.994,65 pari al 23,70 per cento). L’eccezione è stata introdotta per Delta 2000 e Sipro. Nel primo caso perché la fuoriuscita di Ferrara dalla società che ogni anno riesce a intercettare per il territorio che guarda la costa alcuni milioni di finanziamenti, avrebbe comportato uno sbilanciamento proprietario in favore di Ravenna, che invece non ha dichiarato analoga fuoriuscita e la cui quota societaria è peraltro inferiore alla Provincia estense.

Ci sono stati i saluti del segretario generale della Provincia, Alessio Primavera, che da domani sarà in pensione.

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro