Quotidiani locali

Sosta selvaggia a Cona: raffica di multe

Ferrara, raid della polizia municipale che ha sanzionato i trasgressori. Nel mirino i veicoli parcheggiati fuori dagli stalli: un problema ormai cronico

Raffica di multe per divieto di sosta nel parcheggio dell'ospedale a Cona E' arrivata la polizia municipale e, con i parcheggi 1 e 2 del Sant'Anna stracolmi di auto, ha sanzionato decine e decine di automobilisti che avevano lasciato i propri veicoli dove avevano trovato posto, ma fuori dagli stalli LEGGI L'ARTICOLO

FERRARA. L’auto parcheggiata nel prato, sugli spazi destinati ai motorini oppure ai lati della strada che gira attorno all’ospedale di Cona o ancora di fianco al marciapiede che delimita le corsie perimetrali dell’area di sosta. Al ritorno, ieri, l’amara sorpresa per decine di utenti, e cioè la multa di 41 euro che scendono a 28,70 se l’importo viene pagato entro cinque giorni. La “sosta selvaggia” è la soluzione scelta da decine e decine di automobilisti alla quotidiana ricerca di un posto dentro o nei pressi di alcuni parcheggi del Nuovo Sant’Anna. Una scelta che deve fare i conti con i divieti di sosta e il rischio di incidenti causati dal restringimento delle corsie. Così il passaggio di una pattuglia della polizia municipale ha lasciato il segno, ieri mattina, sul parabrezza di decine di veicoli, tutti marcati dallo stesso foglietto bianco.

La sosta irregolare attorno all’ospedale è un problema che risale al 2012, quando è stato aperto il nuovo Sant’Anna.

Concluso il trasloco (tra maggio e giugno) e, rientrati in città i ferraresi in vacanza, i parcheggi, in particolare il n. 1 (principale), il n. 2 (ambulatori), quello sotterraneo e quello del pronto soccorso hanno iniziato a “soffrire” in modo cronico. C’è da dire che, degli oltre 2.100 posti disponibili nei sette parcheggi dell’ospedale, ogni giorno molti non vengono occupati e il sovraccarico di utenza riguarda soprattutto alcune aree di sosta. Il motivo è legato alle preferenze di visitatori e pazienti, solo in parte giustificate da problemi di salute, che tendono a lasciare l’auto nel punto più vicino al servizio che devono raggiungere. A questo proposito è bene ricordare che per chi ha problemi di deambulazione sono disponibili presso il Cup (ingresso 2) carrozzine per invalidi. In pratica si può andare a parcheggiare anche a una certa distanza dal punto di destinazione ma bisogna mettere in conto pazienza e qualche disagio, cause di frequenti proteste.

L’apertura - nel 2016 - del parcheggio destinato a dipendenti e studenti dell’università, non ha nè risolto nè alleviato il problema, anche perché ha continuato a crescere l’utenza esterna che proviene dalla provincia. Il parcheggio in costruzione, vicino a quello del pronto soccorso servirà ad accogliere i dipendenti dell’azienda ospedaliera, che cresceranno a breve in concomitanza col trasloco a Cona del Centro San Giorgio.

L’introduzione della sosta a pagamento, che fa parte del contratto con Prog.Este, costruttore e gestore di servizi non sanitari, potrebbe essere un disincentivo all’uso dell’auto. Ma potrebbe far lievitare anche il malcontento dell’utenza, a causa dell’assenza di un servizio di trasporto veloce (il metrò di superficie è ancora nel limbo).(gi.ca.)
 

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics