Quotidiani locali

banche

Carife verso l’addio. Primi servizi online fermi già da oggi

Ferrara. Lunedì le filiali riapriranno con l’insegna Bper. Cambia l’Iban, cosa fare per accrediti e domiciliazioni

FERRARA. Dal 20 novembre Carife non esisterà più, ma già in questi giorni i clienti della banca ferrarese devono cominciare ad adeguarsi ai cambiamenti connessi all’arrivo di Bper, come la variazione dell’Iban, del numero di conto corrente e tutto quel che ne consegue.

Attenzione, prima di tutto, ai servizi online: oggi alle 17 scatta l’Ora Ics per le funzionalità Bollettino Freccia e Riscossione Mediante Avviso (Rav) che non saranno più disponibili. Da domani, alla stessa ora, lo “switch off” riguarderà la funzionalità CBill, mentre per quel che riguarda F24 e Bonifici, non potranno essere inseriti con data di pagamento successiva al 16 novembre. Dalla stessa data inoltre, sempre dalle ore 17, il servizio Web@Carife sarà disponibile in sola modalità informativa e da lunedì 20 si potrà sottoscrivere il nuovo internet banking di Bper Smart Web, per la cui attivazione serveranno le credenziali WebCarife. Meglio, in ogni caso, salvare tutti i documenti importanti sul proprio computer prima di passare al nuovo servizio.

Con l’arrivo di Bper cambia il numero di Iban: quello nuovo (già inviato per lettera e comunque disponibile in filiale) sarà valido dal 20 novembre, così come potrebbe variare (come si può verificare controllando il nuovo Iban) il numero di conto corrente. Tutti i bonifici, lo stipendio e l’accredito pensione indirizzati al vecchio Iban saranno trasferiti in automatico su quello nuovo, ma è consigliabile in ogni caso fornire il nuovo codice a tutti i soggetti (datore di lavoro, enti previdenziali ecc) che devono effettuare un bonifico a favore.

E i pagamenti delle bollette già domiciliati sul vecchio conto? La Banca promette di «adottare tutti gli automatismi utili» a evitare disservizi al cliente, invitandolo al tempo stesso a comunicare il nuovo Iban ai creditori per tutti gli addebiti autorizzati.

Anche i finanziamenti come mutui e prestiti saranno trasferiti in automatico sul nuovo Iban senza alcuna modifica delle condizioni contrattuali.

Si potranno ancora usare i vecchi assegni, senza alcuna limitazione, così come la carta di credito e il bancomat resteranno validi fino alla scadenza, fatta eccezione per il servizio MySiPay (App su smartphone) e per i massimali personalizzati per i prelievi da sportello bancomat, non più possibili dal 20 novembre.

Per quel che riguarda i Depositi a Risparmio e i Certificati di Deposito, saranno sostituiti dal nuovo titolo in occasione della prima operazione allo sportello.

Cambierà anche il numero del deposito titoli: la Banca effettuerà una rinumerazione tecnica dei rapporti del Deposito, e dal 20 novembre si potranno avere in filiale tutte le informazioni.

Infine, si consiglia di effettuare le presentazioni cartacee F24 entro domani, anche se saranno accolte anche le deleghe presentate giovedì 16 e recanti la stessa data. Quelle successive saranno accolte, mantenute in sospeso e lavorate lunedì 20 novembre.
 

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista