Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Autieri fra celebrazioni e futuro

Gli ex combattenti di Bondeno riuniti a pranzo: elezioni e premio a “Leo” Preti

BONDENO. A poco più di un mese dalla cerimonia annuale svoltasi davanti al monumento ai Caduti di viale Veneto, per l’attivissima sezione di Bondeno degli Autieri è arrivata domenica la giornata in cui concludere la propria annata. Fatta come sempre di iniziative tese a dare lustro all’associazione di ex combattenti e anche al territorio matildeo, con numerosi eventi. Il “pranzo d’autunno”, alla fine, significa anche questo. Senza contare che, nell’edizione di quest’anno, si è scelta la stes ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

BONDENO. A poco più di un mese dalla cerimonia annuale svoltasi davanti al monumento ai Caduti di viale Veneto, per l’attivissima sezione di Bondeno degli Autieri è arrivata domenica la giornata in cui concludere la propria annata. Fatta come sempre di iniziative tese a dare lustro all’associazione di ex combattenti e anche al territorio matildeo, con numerosi eventi. Il “pranzo d’autunno”, alla fine, significa anche questo. Senza contare che, nell’edizione di quest’anno, si è scelta la stessa occasione anche per procedere al rinnovo delle cariche dell’associazione: lo spoglio delle schede avverrà sabato prossimo, svelando così i nomi di presidente, vicepresidente e segretario, ora occupate rispettivamente dal capitano Fabio Cavicchioli, da Enzo Fava e Nevio Cattabriga. Grande la partecipazione per questo pranzo sociale, con circa 120 commensali nei locali della sagra dell’Anitra di Stellata. Ospiti anche una delegazione della curia, con don Andrea Tosini e monsignor Marcello Vincenzi, e l’assessore alle politiche sociali Cristina Coletti, la quale ha rimarcato il ruolo imprescindibile del volontariato: alcuni anni fa, per fare un esempio, gli Autieri parteciparono a una raccolta fondi per l’acquisto di un pulmino, destinato al trasporto di persone “fragili” verso le strutture sanitarie del territorio. Proprio Cristina Coletti ha consegnato una benemerenza a “Leo” Preti (classe 1938), a tutti gli effetti un simbolo di tutto il movimento degli Autieri: a lui è andata una pergamena con la quale è stato riconosciuto “pioniere del volante”, per la professionalità e l’abnegazione dimostrata in 60 anni alla guida di autoveicoli. (mi.pe.)