Quotidiani locali

LE REAZIONI

Il presidente Bonaccini: è finito un incubo ma niente potrà cancellare il dolore

Valerio Verri, guardia volontaria uccisa nel Mezzano. I figli: la notizia non ci fa gioire, altre persone sono morte. Il nostro pensiero va a loro

L'arresto di Igor, il killer di Budrio fermato in Spagna Con l'arresto nella zona di Teruel, in Spagna, è finita la fuga di Norbert Feher, serbo e non russo, nato 36 anni fa a Subotica, città al confine con l'Ungheria. Il killer di Budrio è stato fermato a Teruel, in Spagna, dopo uno scontro a fuoco in cui sono morte tre persone, fra cui due militari iberici. L'articolo

FERRARA. La cattura di Igor/Norbert avvenuta in Spagna alle prime ore di venerdì 15 dicembre non senza spargimenti di sangue, tre le perone rimaste uccise al termine di un conflitto a fuoco, ha fatto in breve tempo il giro del mondo. Il killer aveva ucciso a Budrio Davide Fabbri, nel Mezzano la guardia volontaria Valerio Verri e ferito l’agente di polizia Marco Ravaglia. Questo a inizio aprile, rispettivamente l’1 e l’8, dopodiché più niente.

leggi anche:

Le indagini però non si sono mai fermate, nemmeno quando tutto sembrava perduto. In tanti, dai vertici della politica agli amministratori locali, stanno commentando l’arresto di Igor/Norbert. «Finalmente il killer di Budrio, conosciuto come Igor il Russo, è stato catturato. Di questo mi complimento con il comandante generale dei carabinieri e con le autorità spagnole, esprimendo al contempo il mio cordoglio per le nuove vittime di questo efferato assassino», è il messaggio lanciato su Twitter dal ministro della difesa Roberta Pinotti. Il presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, ha affermato: «È la fine di un incubo, in particolare per le nostre comunità. La notizia della cattura di Norbert Feher, noto anche come il Igor il Russo, premia l’impegno delle forze di polizia, non solo italiane, che in questi mesi non hanno mai smesso di cercare un uomo che anche nella fase della sua cattura ha dimostrato ferocia e spietatezza. Niente – prosegue Bonaccini - potrà cancellare il dolore dei familiari delle vittime, ai quali rinnovo la mia vicinanza personale e dell’intera Regione ma la garanzia che la giustizia riesce a fare il proprio corso con impegno e determinazione è un segnale importante per la vita di tutti noi e il convivere civile».

La Guardia Civil e Igor/Norbert dopo...
La Guardia Civil e Igor/Norbert dopo la cattura

Il sindaco di Ferrara, Tiziano Tagliani, ha commentato: «Apprendo con soddisfazione la notizia dell'arresto di norbert feher, alias Igor Vaclavic, avvenuto in Spagna, anche se purtroppo dopo un cruento conflitto a fuoco che è costato la vita ad altre tre persone. Una scia di sangue e di morte, dunque, che si allunga dolorosamente dietro questo feroce assassino, dopo la sua fuga dall'Italia costata la vita a Davide Fabbri a Budrio, alla nostra guardia volontaria Valerio Verri e al grave ferimento del nostro agente della polizia provinciale Marco Ravaglia. Pur nel dolore anche per queste altre vittime e per i loro familiari, voglio esprimere – ha concluso Tagliani - il mio plauso per un'operazione di polizia che ha posto fine alla latitanza di un pericoloso e spietato criminale, che ora è finalmente assicurato alla giustizia».

Il ministro all’ambiente Gian Luca Galletti ha dichiarato: «È un grande sollievo sapere che un criminale del genere sia stato assicurato alla giustizia. Il pensiero oggi va alle vittime di questo killer che ha terrorizzato l'Emilia Romagna e che ha compiuto i suoi ultimi efferati omicidi in Spagna: a Davide Fabbri, barista di Budrio, alla guardia ecologica volontaria Valerio Verri, ai due agenti spagnoli che hanno sacrificato la vita per fermarlo, al civile rimasto ucciso». Il sindaco di Budrio, Maurizio Mazzanti, ha scritto su Facebook: «Non cancella il dolore per le morti che ha provocato ma mi conferma la fiducia che ho sempre avuto nei confronti delle forze dell’ordine e della giustizia».

Le parole di Andrea Desideri, comandante provinciale dei carabinieri di Ferrara «Avevamo detto alla famiglia Verri che prima o poi saremmo arrivati alla cattura di questo pericoloso latitante e alla fine ci siamo riusciti», ha commentato il comandante provinciale dei carabinieri di Ferrara. Il killer di Budrio e del Mezzano arrestato dopo una fuga durata otto mesi. È accusato di aver ucciso lo scorso 1° aprile il barista di 52 anni Davide Fabbri, durante un tentativo di rapina, e la guardia ecologica volontaria Valerio Verri sette giorni dopo. Le vittime spagnole sono due agenti della Guardia civil e un agricoltore. (video Filippo Rubin) LEGGI L'ARTICOLO

Amaro il commento dei figli di Valerio Verri, Francesca e Emanuele, che hanno detto: «La cattura in Spagna del criminale che ha ucciso nostro padre non ci fa certo gioire. Non possiamo certo dichiararci soddisfatti se non altro perchè è costata la vita ad altre tre persone. Due militari ed un civile. Il nostro pensiero va a loro».

Anche Marco Minniti, ministro dell'interno, è intervenuto dicendo: «Ho incontrato i familiari delle vittime ma li hanno incontrati soprattutto coloro che svolgevano l'attività investigativa e del controllo del territorio. Con loro hanno messo in campo un piccolo patto d'onore, ma ora è naturalmente chiaro che dal momento in cui questo piccolo patto d'onore giunge a compimento, il pensiero non può non andare a coloro che sono morti in Italia e in Spagna».

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon