Quotidiani locali

«No ai pediatri al Delta per mancanza di pazienti»

Lagosanto, decisione irrevocabile di Asl e Azienda ospedaliera: i sindaci sapevano  Per le feste è stato comunque prorogato il servizio che sarà sospeso a gennaio

LAGOSANTO. Il servizio di assistenza pediatrica è sospeso negli ospedali della provincia e anche all’Ospedale del Delta. In teoria i medici non dovrebbero più essere presenti da giovedì, in pratica l’Ausl e l’Azienda ospedaliera hanno deciso di mantenere il servizio in questi giorni di festa. Dalle due aziende sanitarie non solo è arrivata la conferma, ma anche l’illustrazione delle diverse ragioni che hanno portato alla scelta in questione. E se cittadini e sindaci insorgono, l’Auls e Azienda ospedaliera mettono i puntini sulle i: «Preme segnalare che il confronto con gli enti locali è stato ampiamente anticipato in diverse sedi - fanno sapere - sia informali che istituzionali quali la Conferenza Territoriale Socio Sanitaria. Già dal gennaio scorso, la pianificazione sanitaria del territorio, votata democraticamente a maggioranza dai sindaci, non prevedeva l’apertura dell’ambulatorio pediatrico di libero accesso collocato all’Ospedale del Delta, che venne mantenuto, nelle more dell’attivazione degli ambulatori della Pediatria di Gruppo all’Ospedale di Comacchio e che costituisce, di fatto, un anello della rete dei servizi sul territorio».

A settembre, «con nota inoltrata al presidente della Ctss, si ribadiva la necessità di dar corso alla programmazione in virtù di vincoli gestionali». Quali? «Difficoltà nella copertura dell’assistenza neonatologica a Cento, dove esiste un punto nascita per il mantenimento del quale è necessario garantire la guardia attiva pediatrica nelle 24 ore, ma anche per la carenza di pediatri sul mercato del lavoro, si era prossimi ad infrangere le norme sulla successione dei turni di lavoro». A questo si aggiunge «l’evidente sottoutilizzo dell’ambulatorio pediatrico del Delta al di sotto delle due visite giornaliere». Ad oggi, dopo 3 mesi, «tali vincoli sono diventati elementi oggettivamente imprescindibili, rendendo assolutamente perentoria la decisione annunciata con la nota del 18 dicembre trasmessa a sindaci».

Considerata l’imminenza delle festività natalizie, e anche per consentire un più graduale passaggio ai nuovi percorsi organizzativi, «le due Aziende sanitarie hanno disposto di mantenere in via del tutto eccezionale la presenza del pediatra in ambulatorio per i giorni compresi tra sabato 23 e martedì 26 dicembre, nonché tra sabato 30 dicembre e lunedì 1 gennaio».



TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro