Quotidiani locali

Avviato il percorso per aggregare le Pro Loco di zona

Si chiama “Progetto di territorio” e ha l’appoggio dei Comuni Nell’area dell’Unione attive otto associazioni col ritorno di Ro

COPPARO. Per le otto associazioni Pro Loco del territorio dell’Unione Terre e Fiumi c’è la proposta da portare avanti nel nuovo anno per la costituzione di un atto di aggregazione per un nuovo “Progetto di territorio”.

Tale progetto sarà nel prossimo bando regionale, con il manifestato impegno dei Comuni coinvolti di cofinanziare l’iniziativa. A rendere noto questa novità è Enzo Barboni, copparese, presidente dell’Unpli (Unione Pro Loco) di Ferrara e da alcuni mesi segretario generale delle Pro Loco dell’Unpli dell’Emilia Romagna.

Barboni, in particolare, si è soffermato sulle principali attività e novità a livello provinciale. Come la recente sottoscrizione e Protocollo d’intenti tra Unpli nazionale e Mibact (Ministero dei beni artistici, attività culturale del turismo), retto dal ministro ferrarese Dario Franceschini. In tale accordo, fra le varie iniziative, si riconosce (anche con potenziali ricadute locali) un ruolo primario riconosciuto per la promozione dei territori del nostro Paese. In questo senso per le associazioni locali legate all’Unpli, vi sono prospettive di crescita e di un eventuale salto di qualità? Riguardo al “Progetto di territorio” e per il 2018 c’è una nota di ottimismo «Che ci piace evidenziare - spiega lo stesso Barboni -, l’attivismo della Pro Loco di Serravalle, con il suo intenso calendario di manifestazioni e la sua partecipazione ad eventi importanti, ma anche l’ingresso di molti giovani nella Pro Loco di Formignana e i tanti piccoli eventi della Pro Tresigallo. Ormai consolidata, nella tradizione, è la Pro Loco di Jolanda, alcune nuove idee sono state avanzate dalla Pro Loco di Copparo e Ambrogio, infine la Pro Loco di Cologna con il suo grande mese di luglio tra musica, balli, enogastronomia e storia locale».

Senza dimenticare il processo di rinascita della Pro Loco a Ro, ma in assoluto si preannuncia un 2018 con tante novità: «Il quadro complessivo con tanti progetti nazionali, regionali, provinciali e locali, proietta le Pro Loco e le sue reti in una visione di territorio altamente significativa - conclude Barboni -, perché sempre di più volto e vissuto di un’antica cultura, che sa essere memoria e tradizioni di un rinnovata realtà locale».

Franco Corli

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori