Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

"Togliete le multe a chi ha esposto il volto di Federico"

La bandiera con il volto di Federico in curva

Ferrara, l'associazione Aldrovandi: è una provocazione solo per chi ha la coscienza sporca. La vicenda innescata dal diniego a far entrare striscioni e bandiere all'Olimpico

Sampdoria-Spal, dalla curva biancazzurra coro per Aldro

FERRARA. Continuano a far discutere le immagini di Federico Aldrovandi negli stadi. L'Associazione Federico Aldrovandi, "che nel proprio statuto si fa portavoce di tolleranza e non violenza, così come altre associazioni nate per ricordare vittime di abusi, chiede che vengano ritirate le sanzioni imposte dal giudice sportivo alle tifoserie che espong ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Sampdoria-Spal, dalla curva biancazzurra coro per Aldro

FERRARA. Continuano a far discutere le immagini di Federico Aldrovandi negli stadi. L'Associazione Federico Aldrovandi, "che nel proprio statuto si fa portavoce di tolleranza e non violenza, così come altre associazioni nate per ricordare vittime di abusi, chiede che vengano ritirate le sanzioni imposte dal giudice sportivo alle tifoserie che espongono Federico. Il suo viso esprime una vita, un ricordo, un monito. Ma è una vittima, purtroppo. Rappresenta una provocazione solo per chi ha la coscienza sporca".

Nelle settimane successive al divieto di portare immagini di Federico allo stadio Olimpico, subito dai tifosi della Spal, ci sono state denunce nei confronti dei tifosi del Parma, che avevano esposto gigantografie di Aldrovandi a Terni, e multe da parte del giudice sportivo nei confronti di società i cui tifosi avevano esposto striscioni. Le motivazioni di questi provvedimenti fanno riferimento a "comportamenti provocatori nei confronti delle forze dell'ordine".