Quotidiani locali

Vai alla pagina su Un caffè con la Nuova
un caffè con la nuova

Il volontariato è attivo, ma servono i ricambi

Vigarano Pieve. Tante le associazioni, ed è comune a tutti la necessità di reperire forze fresche. Sottolineato il nodo della sicurezza delle strade e l'importanza delle piste ciclabili

Un Caffè con la Nuova a Vigarano Pieve La forza del volontariato, con una ricca rete di associazioni. E la sua fragilità, per il crescente bisogno di un ricambio generazionale che stenta a compiersi e mette a rischio importanti servizi offerti alla comunità. Queste le testimonianze raccolte tra i residenti di Vigarano Pieve al circolo La Camarazza per la rassegna di incontri "Un Caffè con la Nuova". (video di Federico Vecchiatini)LEGGI L'ARTICOLO

VIGARANO PIEVE. Il salone centrale del circolo Auser “La Camarazza” era pieno, l'altro pomeriggio per l'appuntamento “Un caffé con la Nuova”. Un momento in cui il nostro giornale incontra i cittadini. «Siete in tanti - ha detto il direttore Luca Traini in apertura dell'incontro, e questo ci fa piacere e ci riempie d'orgoglio. Il nostro giornale è come uno specchio dove il lettore attraverso gli articoli deve riconoscere la propria comunità». La presenza era variegata con tanti sportivi e molta rappresentanza del mondo del volontariato che a Vigarano Pieve è molto consistente. Il circolo Auser “La Camarazza”, che ospitava l’incontro, da 25 anni è gestito dal volontariato ed il presidente Bruno Menegatti, e di suoi collaboratori, hanno accolto con calore gli ospiti è al termine dell'incontro hanno anche offerto un rinfresco a tutti i presenti. «Organizziamo - ha detto il vicepresidente Gigliola Pozzati - anche tante iniziative a scopo benefico. Il nostro fiore all'occhiello e l'aiuto che diamo all'Unicef costruendo le bambole pigotte, quest'anno ne abbiamo realizzate quasi duecento, che poi vengono vendute per raccogliere i fondi da elargire all'Unicef per aiutare i bambini nel mondo». Il dibattito è stato incentivato dall'intervento di due giovani, graziose e brave insegnanti di danza. «Nel nostro gruppo - ha spiegato Valeria Poltronieri -, abbiamo una quarantina di allievi che imparano danza la quale, lo ricordo, inizia dove la parola si ferma. Quindi è anche un discorso sociale perché ospitiamo i giovani in un ambiente sano e tranquillo».



«Nel nostro gruppo - ha aggiunto Elena Zoboli - sono oltre ottanta quelli che frequentano la danza ritmica. Purtroppo servirebbero spazi ulteriori per dare risposte più consistenti». Dal mondo del volontariato è arrivato un grido di dolore per i "ricambi" che non arrivano. «Siamo dieci coppie - ha precisato Luciani Cinesi -, ci alterniamo alla guida dei pulmini, messi a disposizione dal Comune, per accompagnare gli ultra65enni all'ospedale o altre strutture sanitarie per visite e controlli. Il servizio è gratuito ma, con il tempo, noi invecchiamo e se non arrivano ricambi il servizio è a rischio». Stesso problema sollevato da Sergio Bianchi volontario di un servizio di pulmini, gestiti dall'associazione Aurora, che raccoglie i ragazzi di Ravalle e Casaglia per poi portarli, insieme a quelli di Vigarano Pieve, nei poli scolastici delle scuole elementari e medie di Vigarano Mainarda. «L'amministrazione comunale - ha precisato Mario Grimaldi - ha sempre operato a favore delle fasce più deboli. Auspico la stessa sensibilità sul problema dei nostri due campi di calcio non utilizzati. Mi piange il cuore vedere i nostri ragazzi, che praticano calcio, che devono spostarsi nei Comuni limitrofi perché non abbiamo società di calcio». Purtroppo il calo del volontariato per la gestione dei campi di calcio ha portato al loro abbandono. Giordano Gallini ha ricordato anche che causa il passare degli anni, e senza ricambi, è “sparita” la gloriosa Filodrammatica dialettale. Resiste invece, da decenni, il coro a cappella della parrocchia che, come ha detto Giancarlo Finottelli, stringe i denti per non cedere. Sulla sicurezza delle strade, e dell'importanza delle piste ciclopedonali, si è parlato con un folto gruppo di podisti presenti, che hanno in Rossella Carletti la punta di diamante che, nelle gare nazionali di triathlon, riesce sempre a conquistare il podio nella categoria master.

«Le gare - ha detto Antonio Franchi, presidente del Gpv (Gruppo podistico vigaranese) - le facciamo su strada ma le piste ciclabili sono un grande aiuto per allenarci in sicurezza e tranquillità». In campo culinario è stato sottolineato come la sagra del paese è rinomata per la sua ottima cucina e, con orgoglio, è stato ricordato che “Al pinzin tond” è nato qui. Per la precisione nei "palazzi di Diamantina».

Giuliano Barbieri

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon