Quotidiani locali

CESTA 

Lasciano a desiderare le fermate per i bus

CESTA. Questa che appare nella fotografia è la situazione al posto di attesa per l’autobus a Cesta appena qualche giorno fa. Lavoratori, studenti e utenti si trovano ad attendere il trasporto in...

CESTA. Questa che appare nella fotografia è la situazione al posto di attesa per l’autobus a Cesta appena qualche giorno fa. Lavoratori, studenti e utenti si trovano ad attendere il trasporto in mezzo al fango ed all’acqua, senza alcuna pensilina che li ripari dalle intemperie. Magari Tper spronata anche dall’amministrazione comunale di Copparo potrebbe intervenire. Quella segnalata non è l’unica situazione. Anche nella fermata davanti al centro professionale di Cesta ci sono vetri sparsi a terra dalla parte della pensilina. Se ci si sposta a Jolanda di Savoia in via Cavicchina non c’è la pensilina sul ciglio del fossato in una strada di passaggio e in special modo nella mattinata nelle giornate di nebbia c’è il concreto rischio per chi attende l’autobus di essere investito da un’auto. Sulla vicenda il gruppo consigliare del Movimento5Stelle con il consigliere Ugo Selmi, aveva presentato un’interpellanza inerente a tale problematica durante il consiglio comunale che si era tenuto a Copparo il 28 novembre dello scorso anno. Probabilmente sarebbe il caso di effettuare una ricognizione delle varie fermate su tutto il territorio dell’Unione Terre e Fiumi al fine di poter verificare le situazioni più critiche e al termine presentare poi una sorta di dossier magari corredato anche dalla relative fotografie da inoltrare a Tper per gli opportuni provvedimenti da prendere per poter risolvere, magari gradatamente, tutti i problemi che emergeranno da una fotografia della situazione che, in questo caso, sarebbe certamente completa. Operai, studenti, pendolari chiedono tutela ed aspettare l’autobus nelle condizioni migliori possibili sarebbe già un notevole passo in avanti. (m.bar.)



TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon