Quotidiani locali

Fondi post terremoto: tre persone a giudizio

Sant’Agostino, in tribunale a Ferrara rinviato il processo per truffa. Il Comune di Terre del Reno si è costituito parte civile

Terremoto Emilia, il presidente Mattarella a Mirandola a cinque anni dal sisma Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in Emilia a cinque anni dalla seconda scossa che inferse un ennesimo, duro colpo a un territorio già ferito dal sisma del 20 maggio. Mattarella partecipa nell'Aula magna 'Rita Levi Montalcini' del polo scolastico di Mirandola al convegno 'Fare scuola. Ricostruzione, innovazione e comunità'

SANT’AGOSTINO. Giovedì in Tribunale a Ferrara dav anti al Gup Piera Tassoni, si è svolta la prima udienza preliminare del processo per truffa sui fondi del post terremoto che vede coinvolte tre persone con il Comune di Terre del Reno che si è costituito parte civile tramite l’avvocato Elisa Cavedagna. L’udienza è stata rinviata all’8 febbraio per quantificare il contributo erogato. L’immobile, oggetto della truffa è situato nella località di Sant’Agostino. Durante un normale controllo amministrativo da parte del Comune di Terre del Reno (non si tratta del primo caso in assoluto ma del primo da quando si è insediata la nuova amministrazione guidata dal sindaco Roberto Lodi). La decisione della giunta di rivolgersi al Tribunale arriva perché ...”è certa l’offesa nei confronti del Comune” recita la delibera perché si “ritiene vantaggioso per l’Ente costituirsi essendovi ancora in corso al Tar un procedimento aperto dagli imputati contro il rigetto del Mude (sono così chiamate le pratiche post terremoto) che potrebbe essere influenzato positivamente per il Comune dall’esito di questo processo”. I proprietari dell’immobile aveva presentato un ricorso al Tribunale amministrativo regionale in quanto ritenevano ingiusta la revoca del contributo che ammonta a circa 500mila euro (la pratica era nata nel 2013, nel luglio del 2016 era sopraggiunta la revoca mentre il ricorso al Tar risale alla fine del 2016) .

«Si tratta del primo caso di questo genere da quando ricopro la carica di sindaco - afferma il primo cittadino Roberto Lodi - a giudizio dell’ufficio preposto al controllo i beneficiari non avevano diritto al contributo, successivamente i proprietari hanno fatto ricorso al Tar e come giunta abbiamo deliberato di procedere legalmente. I controlli vengono fatti e quando, a parere degli uffici, non sussistono i requisiti, partono le segnalazioni». Il primo cittadino affronta poi la questione relativa alla ricostruzione post terremoto in un Comune, quello di Terre del Reno, fra i più colpiti in assoluto nel cratere, ricordiamo che il fenomeno della cosiddetta liquefazione ha interessato in particolare le località di San Carlo e Mirabello. «Per quanto riguarda la ricostruzione privata siamo oltre il 50% mentre siamo ancora indietro sul versante della ric ostruzione pubblica. A breve indiremo degli incontri nelle località del Comune Terre del Reno a Sant’Agostino, San Carlo, Dosso e Mirabello nel corso dei quali forniremo le cifre esatte sulla ricostruzione».
 

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon