Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Nuova scuola, dopo le elezioni via ai lavori

DOSSO. Negli ultimi giorni l’amministrazione ha incontrato i cittadini di Mirabello e Dosso per presentare i numeri relativi al bilancio. L’altra sera a Dosso, nella sala adiacente al campo sportivo,...

DOSSO. Negli ultimi giorni l’amministrazione ha incontrato i cittadini di Mirabello e Dosso per presentare i numeri relativi al bilancio. L’altra sera a Dosso, nella sala adiacente al campo sportivo, si è parlato principalmente del progetto della nuova scuola, che vedrà l’inizio dei lavori subito dopo le elezioni di marzo.

L’edifico avrà un giardino per il gioco e una palestra per lo svolgimento regolare dell’attività di educazione fisica. Altra novità rispetto al passato sarà il metodo di riscaldamento delle aule: non ci saranno più i termosifoni di una volta ma sarà riscaldato il pavimento, con un sistema moderno che permetterà un grosso risparmio dei consumi, considerando anche il complesso sistema di coibentazione che il nuovo luogo avrà.

Per quanto riguarda i probabili sei mesi, circa, di lavoro che serviranno per completare l’opera, l’amministrazione ha previsto di spostare gli alunni nelle scuole di Sant’Agostino, dividendoli tra scuole elementari e medie. Lo spostamento verrà effettuato con pullman e sarà completamente gratuito per le famiglie.

Qualche protesta e preoccupazione di alcuni genitori che hanno sollevato dubbi su questa soluzione, alle quali il sindaco Roberto Lodi ha così risposto: «Mettere i bambini in un altro edificio scolastico antisismico è la soluzione migliore di tutte. Se vogliamo che gli alunni di Dosso possano fare lezione in un luogo al pari delle altre scuole del comune, costruendo per loro un nuovo edificio, dobbiamo fare tutti un sacrificio. Non possiamo pensare di metterli temporaneamente in un luogo non sicuro o improvvisato. Non avrebbe senso».