Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Lavori di manutenzione alla centrale dell’acqua

Sono programmati lavori di manutenzione alla centrale di potabilizzazione di Pontelagoscuro, domani dalle ore 23 alle ore 18 di martedì 30 gennaio e mercoledì 31 gennaio delle ore 22 alle ore 08 di...

Sono programmati lavori di manutenzione alla centrale di potabilizzazione di Pontelagoscuro, domani dalle ore 23 alle ore 18 di martedì 30 gennaio e mercoledì 31 gennaio delle ore 22 alle ore 08 di giovedì 1 febbraio. A seguito di tali interventi sono previsti cali di pressione e eventuali riduzione di flusso nei comuni di Ferrara, Vigarano Mainarda, Poggio Renatico, Mirabello, Sant’Agostino, Voghiera, Argenta, Alfonsine. Fenomeni similari, ma meno evidenti, si potranno verificare anche nei ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Sono programmati lavori di manutenzione alla centrale di potabilizzazione di Pontelagoscuro, domani dalle ore 23 alle ore 18 di martedì 30 gennaio e mercoledì 31 gennaio delle ore 22 alle ore 08 di giovedì 1 febbraio. A seguito di tali interventi sono previsti cali di pressione e eventuali riduzione di flusso nei comuni di Ferrara, Vigarano Mainarda, Poggio Renatico, Mirabello, Sant’Agostino, Voghiera, Argenta, Alfonsine. Fenomeni similari, ma meno evidenti, si potranno verificare anche nei i comuni di Portomaggiore, Masi Torello, Cento e Bondeno Al ripristino del servizio è opportuno lasciare scorrere l’acqua per alcuni minuti prima dell’utilizzo.

La centrale di Pontelagoscuro, una vera e propria “Fabbrica dell’acqua”, è una delle poche in Italia ad essere dotata di bacini di lagunaggio, che hanno una superficie totale di 45.000 metri quadrati e un volume massimo d’invaso pari a 250.000 metri cubi. Si tratta di una tecnologia in grado di fornire una notevole riserva idrica capace, in caso di necessità, di interrompere il prelievo dal Po e di garantire per tre giorni l’approvvigionamento a tutto il bacino d’utenza servito da Hera. Inoltre questa tecnologia fornisce un contributo importante alla depurazione, consentendo una prima fase di purificazione grazie alle reazioni biologiche che avvengono spontaneamente. Produce il 90% del fabbisogno idrico del territorio servito.