Quotidiani locali

portomaggiore 

La caldaia è stata cambiata La Portuense torna in campo

PORTOMAGGIORE. «Abbiamo cambiato la caldaia, a breve si ricomincerà a giocare allo stadio». Il sindaco di Portomaggiore, Nicola Minarelli, rassicura giocatori, dirigenti e tifosi della Portuense che...

PORTOMAGGIORE. «Abbiamo cambiato la caldaia, a breve si ricomincerà a giocare allo stadio». Il sindaco di Portomaggiore, Nicola Minarelli, rassicura giocatori, dirigenti e tifosi della Portuense che domenica scorsa si sono trasferiti sul campo di Ostellato per motivi tecnici, considerati i lavori in corso allo stadio “Bellini”.

«L’impianto è ormai pronto – dice il primo cittadino – ma senza acqua calda e riscaldamento in questo periodo non si può certo giocare. Ecco perché siamo andato in altro Comune, ma tra quindici giorni, quando sarà giocata la prossima partita in casa, il “Bellini” sarà completato».

Il progetto è stato approvato esattamente un anno fa, e i lavori hanno visto l’installazione di un impianto fotovoltaico per tutta l’ampiezza della tribuna dello stadio e della conversione della centrale termica da combustibile liquido (gasolio) a naturale (metano). L’impianto fotovoltaico avrà una produzione energetica di 51.200 kwh, e permetterà di risparmiare in un anno l’equivalente di 10 tonnellate di petrolio, quindi con importante beneficio ambientale. Il costo dei lavori è di 250mila euro, ma l’impianto nuovo permetterà l’autosufficienza per quanto riguarda l’energia elettrica dello stadio e anche la copertura energetica per gli altri impianti sportivi comunali. Nei mesi estivi, quando l’impianto è fermo, l’energia è immessa in rete a copertura del consumo di energia elettrica degli altri edifici comunali, soprattutto piscina e palazzetto.



TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori