Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Da lunedì scattano i divieti sul ponte

FINAL DI RERO. Finalmente c’è la data: da lunedì scatta il divieto di transito ai veicoli con peso superiore a 12 tonnellate sul ponte in via Pomposa a Final di Rero, unitamente all’introduzione del...

FINAL DI RERO. Finalmente c’è la data: da lunedì scatta il divieto di transito ai veicoli con peso superiore a 12 tonnellate sul ponte in via Pomposa a Final di Rero, unitamente all’introduzione del limite di velocità dei 50 km orari e il divieto di sorpasso per quelli ammessi.

A stabilirlo l’attesa ordinanza della Provincia, a seguito dei problemi di deterioramento registrati dagli stessi tecnici dell’ente durante i controlli periodici sulla viabilità di competenza e dopo le segnalazioni ricevute dal Comune di Tresigallo. Per il rispetto delle condizioni di sicurezza, la Provincia ha già provveduto anche all’acquisto e alla posa della segnaletica di limitazione al traffico, con un costo complessivo interamente a carico del proprio bilancio di quasi 10mila euro.

Il provvedimento avrà validità fino alla realizzazione di un ponte provvisorio - più o meno all’altezza dell’incrocio con la strada che porta a Medelana/Rovereto e sbucherà sempre a Final di Rero - cui provvederà la Regione Emilia-Romagna utilizzando circa 1.8 milioni delle risorse previste per l’Idrovia.

La costruzione di una struttura temporanea serve anche perché il ponte, la cui costruzione risale agli anni ’50, non può reggere gli attuali volumi di traffico, specie pesante, e le procedure necessarie per la realizzazione del nuovo ponte definitivo richiedono alcuni anni di tempo. Ponte provvisorio e annessa viabilità alternativa all’attuale tracciato della via Pomposa sono comunque uno stralcio funzionale al progetto Idrovia: le risorse utilizzate non costituiscono un costo aggiuntivo rispetto al programma per rendere navigabile il Po di Volano (per il lotto Final di Rero finanziati 18.6 milioni).