Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

La riqualificazione delle Valli comincia con i lavori ai ponti

Aggiudicati i lavori ai bailey Fossa Foce e Fattibello L’intervento di recupero costerà 220mila euro 

COMACCHIO. Primo passo per il maxi-progetto di valorizzazione del patrimonio culturale ed ambientale delle Valli di Comacchio con il recupero dei due ponti bailey Fossa Foce e Fattibello.

Sono stati aggiudicati l'altro ieri, alla ditta Bresciani di Porto Viro (RO), i lavori di consolidamento delle due infrastrutture, per un importo complessivo di 220 mila euro. Entrambi gli interventi fanno parte del progetto di recupero del comprensorio vallivo comacchiese, finanziato per 2 milioni e 400mila euro dal Piano Operativo Regionale Por-Fesr 2014-2020 e cofinanziato con risorse comunali pari a 600mila euro.

I due ponti bailey Fossa Foce e Fattibello, in acciaio con piano di corsa con tavole di legno, hanno rispettivamente una lunghezza di 57 e 24 metri e raccordano l'abitato di Comacchio e stazione Foce, punto di riferimento per le escursioni a piedi, in bicicletta, ma anche per quelle in barca agli antichi casoni di pesca.

Nel progetto elaborato dallo studio Ingegneria Mezzadri, sono dettagliatamente descritte le criticità che presentano entrambi i ponti, attraversati, soprattutto in primavera ed autunno anche da pullman adibiti al trasporto dei turisti. La ditta esecutrice dovrà intervenire sugli strati di corrosione delle parti metalliche dei ponti, ma anche sui fenomeni di marcescenza del legno, derivati dalla prolungata esposizione agli agenti atmosferici (pioggia e vento). Saranno sostituite con panni in neoprene armato tutte le parti in legno dei ponti. Sarà inoltre smontato il tavolato, per poterne verificare lo stato di conservazione. Operazioni di pulizia, verniciatura, rimontaggio delle parti smontate completeranno i lavori.

A fasi successive, dopo i lavori di consolidamento dei ponti degradati sono previsti interventi di sistemazione dei lavorieri e delle tabarre, per un recupero complessivo dei vecchi casoni (rimaneggiamento delle coperture, rimozione di intonaci, sistemazione di infissi, pulizia di muri incrostati dall'umidità). Ogni cantiere dovrà rispettare i periodi di riproduzione dell'avifauna.