Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

«Senza Giuseppe oggi non saremmo qui»

«La collezione deve la sua esistenza a una persona senza la quale non saremmo qui: Giuseppe Sgarbi». A dirlo è stato lo scrittore greco Petros Markarīs, intervenuto ieri durante il vernissage della...

«La collezione deve la sua esistenza a una persona senza la quale non saremmo qui: Giuseppe Sgarbi». A dirlo è stato lo scrittore greco Petros Markarīs, intervenuto ieri durante il vernissage della mostra in Castello. Inevitabili gli applausi commossi dei tanti presenti. «Conosco Elisabetta (Sgarbi, ndr) dal 2000 ma solo lo scorso autunno mi sono recato nella sua casa di Ro. Passare da una stanza all’altra era come passare da una galleria d’arte all’altra. Nel corso della mia visita - ricorda lo scrittore - Giuseppe mi ha accompagnato e raccontato della sua vita e per tutto il tempo sono rimasto rapito da quest’uomo, dalla sua passione, dall’amore per la vita e per la scrittura».