Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Muore nell’auto contro il guardrail

Poggio Renatico, uomo di 53 anni deceduto nello schianto  Stava tornando a casa. L’incidente nella notte in rotatoria

POGGIO RENTATICO. Tragedia nella notte tra sabato e ieri sulla strada provinciale 8 che collega Ferrara a Poggio Renatico. Una Fiat Punto che proveniva dalla città in direzione Poggio è uscita di strada e si è scontrata contro il guardrail. Nell’impatto ha perso la vita Michele Miraglia, 53enne di Poggio Renatico. L’uomo, che probabilmente stava tornando a casa dopo una serata passata a Ferrara, ha perso il controllo del mezzo su cui viaggiava ed è finito fuori strada. La dinamica dell’incidente è ancora al vaglio dei carabinieri. Forse Miraglia è stato colto da un colpo di sonno o da un malore, forse una banale distrazione e poi l’asfalto reso scivoloso dalle rigide temperature della notte ha fatto il resto. Sull’asfalto non sono presenti segni di frenata.

Erano da poco passate le tre di notte quando l’uomo, nato a Padova ma praticamente da sempre residente nel comune dell’Alto Ferrarese, è uscito di strada. La Fiat Punto, intestata al fratello, si è scontrata contro la barriera di contenimento e per Miraglia non c’è stato nulla da fare. L’uomo alla guida dell’auto era solo nel momento dello schianto e anche la strada a quell’ora era deserta. Sul posto sono intervenuti immediatamente i sanitari del 118 con ambulanza e automedica ma i soccorsi non hanno potuto fare altro che constatare il decesso del 53enne. Sul luogo dell’incidente sono arrivati anche i carabinieri del Norm di Cento e della stazione di Poggio Renatico. Le cause poco chiare alla base dell’incidente hanno portato il magistrato di turno a disporre l’autopsia. La salma di Miraglia è stata dunque portata all’istituto di medicina legale di Ferrara. Gli esami verranno probabilmente effettuati nei prossimi giorni. Chi lo conosceva dice che il poggese, detto “Sga”, raramente guidava. «Si spostava con altri o in treno e - dicono alcuni amici - chissà perché invece stavolta aveva deciso di prendere la macchina».

Michele Miraglia, scendendo dal ponte che per chi viene da Ferrara precede la rotatoria che si incontra pochi metri dopo, ha sbandato ed è andato a schiantarsi contro il guardrail. Dello scontro fatale avvenuto poco dopo le tre, in paese se ne è avuta notizia già nelle prime ore del mattino e in molti, attoniti, si chiedono ancora come sia potuto succedere. (sam. gov.)