Quotidiani locali

Bofrost, iniziata la demolizione e si riapre l’inchiesta

Dopo l’incendio in via Sutter, sono partiti i lavori di cantieramento per rimuovere le macerie affumicate e incenerite del capannone della Bofrost andato distrutto nel devastante rogo dello scorso 15 ottobre. I vigili del fuoco al lavoro per chiudere l'indagine.

Dopo il disastro alla Bofrost, via alla demolizione del capannone Il rogo è dell'ottobre scorso, quando un incendio devastò il magazzino del punto vendita Bofrost, in via Sutter. Ora sono partiti i lavori per la demolizione, mentre l'inchiesta sulle cause avviata dalla polizia giudiziaria dei vigili del fuoco entra nel vivo.

FERRARA. Sono partiti i lavori di cantieramento in via Fedele Sutter per rimuovere le macerie affumicate e incenerite del capannone della Bofrost andato distrutto nel devastante rogo dello scorso 15 ottobre.

Rimane ancora aperta l’ indagine avviate dal nucleo di polizia giudiziaria dei vigili del fuoco di Ferrara per fare luce sull’esatta dinamica che ha provocato l’incendio, ed è necessario un ulteriore approfondimento.

Ma per far questo è necessario rimuovere completamente le macerie e le strutture andate distrutte dalle fiamme per una più attenta verifica di tutti i materiali rimasti all’interno della struttura. Per questo dopo che è stata avviata una procedura amministrativa per far demolire il capannone, si inizia nell’opera di smaltimento della varie macerie.



Ricordiamo che l’attività dell’azienda di distribuzione è ripresa dopo alcuni giorni dall’incendio, avvalendosi dell’ausilio delle vicine filiali di Bologna ed Este.

La fortuna ha voluto che solo qualche vetro rotto sia stato il danno subito dalla Sol Edil, l’azienda che ha sede nel capannone a fianco della Bofrost.
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon