Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Le scuole dell’infanzia non sentono la crisi

Comacchio, alcuni asili nido e materne risultano già al completo Dall’1 al 31 marzo le iscrizioni per il prossimo anno. Porte aperte nelle strutture 

COMACCHIO. Scadenze rispettate per quanto concerne gli obblighi vaccinali tra i servizi rivolti all'infanzia ed iscrizioni invariate rispetto agli anni scorsi, ma con alcuni dati in crescita. Il nido comunale "Il Giglio", gestito dalla cooperativa sociale "Girogirotondo, ospita 37 bimbi di età compresa tra 6 e 36 mesi ed «è al completo, senza liste d'attesa - spiega Agnese Malpeli, coordinatrice delle educatrici della stessa cooperativa -; le iscrizioni per il prossimo anno scolastico si apriranno dal 1° al 31 marzo ed i genitori dovranno auto-certificare al momento dell'iscrizione che sono in regola con gli obblighi vaccinali». Anche alle materne non si sono verificati intoppi e i pochi che ancora non hanno ottemperato, sono tuttavia in possesso della prenotazione del vaccino presso gli ambulatori dell'Asl. Lo Spazio bambini "La Gabbianella", rivolto alla fascia d'età da 1 a 3 anni è invece carente di iscrizioni. «E' uno dei nostri servizi presenti a Comacchio - prosegue Agnese Malpeli -, ma conta solo 7 bimbi iscritti, mentre può accoglierne fino a 16. E' aperto solo al mattino, dalle 8 alle 13, rispetto agli asili che invece assicurano il pranzo e restano aperti anche di pomeriggio. Invitiamo i genitori a visitare anche questo servizio». Per molte famiglie vincolate dagli impegni di lavoro, la sola apertura anti-meridiana potrebbe costituire una penalità, ma il centro, all'avanguardia, apre le porte anche ai non residenti, con l'auspicio di restare una realtà solida per il territorio, a sostegno della genitorialità. Sempre a Comacchio, nell'ex sede della pretura di via Carducci è operativa la scuola d'infanzia statale "Carducci", che conta 89 iscritti da 3 a 5 anni con 4 sezioni eterogenee. «Sino a 4 anni fa erano 3 le sezioni della scuola - spiega Alessandra Fantini, che è anche responsabile della sicurezza dell'edificio scolastico -; poi abbiamo aggiunto una sezione, ma in futuro non potremo superare il numero degli 89 iscritti, perchè con insegnanti e due bidelle raggiungiamo le 100 unità, che lo stabile può accogliere per motivi di sicurezza». In tutte le scuole materne, pubbliche e paritarie, le iscrizioni al prossimo anno scolastico sono state aperte il 16 gennaio scorso e dovranno concludersi il 28 febbraio prossimo, ma permane una buona elasticità, in base alla capacità delle singole realtà scolastiche di andare incontro a nuove richieste. La scuola materna paritaria Sant'Antonio di Porto Garibaldi conta 78 bimbi, distribuiti su 3 sezioni eterogenee, ma le iscrizioni restano aperte sino al 30 giugno prossimo. Un'altra scuola materna paritaria, Nostra Signora di Lourdes, situata di fianco al duomo di Comacchio, vanta 50 bimbi iscritti, suddivisi in due sezioni eterogenee. «Possiamo accettare fino a 54 iscritti - spiega Elisa Straforini, insegnante della scuola d'infanzia paritaria - e in caso di sforamento, va aperta una nuova sezione, ma è necessario chiedere preventivamente l'autorizzazione al Miur. Sino a qualche anno fa avevamo una terza sezione, poi un'altra scuola d'infanzia vicina ha aperto un'altra sezione».(k.r.)