Quotidiani locali

Nidi e materne, priorità a genitori soli e turnisti

Iscrizioni solo online fino al 27 febbraio, assistenza per chi non è pratico Domande e criteri per le graduatorie: una guida facile per le famiglie 

È cominciata la corsa alle domande per essere ammessi ai servizi educativi comunali della prima infanzia. Già da lunedì e fino al 27 febbraio è attivo il portale sosi@home per le iscrizioni online ai nidi (per la fascia di età dai 0 ai 6 anni), agli Spazi Bambini Piccola Casa e Piccole Gru (dai 12 ai 36 mesi) e alle scuole d’infanzia (dai 3 ai 6 anni). Le domande potranno essere presentate solo online, ma per le famiglie che dovessero incontrare difficoltà con il web c’è la possibilità, su appuntamento, di “prenotare” una compilazione assistita con gli operatori del Punto Unico di accesso ai servizi scolastici di via Guido d’Arezzo.

Chi deve fare domanda. Le domande devono essere presentate per le nuove iscrizioni (anche in caso di passaggio dal nido alla materna), per i trasferimenti per cambiare nido o materna, e per i nascituri che si presume vengano al mondo entro il 30 giugno. Non devono invece presentare la domanda le famiglie dei bimbi che già frequentano i servizi scolastici e intendono confermare il posto negli stessi nido o materna. Le famiglie dei bimbi confermati dovranno solo pagare il deposito cauzionale e poi comunicare online gli estremi del versamento.

La registrazione. Chi accede per la prima volta al portale sosi@home deve registrarsi fornendo il codice fiscale del dichiarante, un indirizzo di posta elettronica valido e il numero di cellulare. Completata la registrazione si può accedere usando il codice utente e la password scelti in fase di registrazione, credenziali che dovranno essere utilizzate per tutti gli accessi successivi.

Punteggi e priorità. La compilazione delle graduatorie avviene sulla base di criteri che comportano l’assegnazione di un punteggio. Le priorità contemplano diversi casi, dalla provenienza da servizi educativi soppressi alla disabilità, dai trasferimenti da altri plessi ai bimbi in affido, dai piccoli soggetti a programmi di protezione a quelli in situazioni disagiate. Salvo alcune eccezioni (le stesse priorità e altri pochi casi) i bambini nuovi iscritti non residenti nel Comune di Ferrara andranno in coda alla graduatoria. In caso di parità di punteggio la precedenza va assegnata: al nido, all’utente di età maggiore; alla scuola d’infanzia, ai minori che stanno passando dal nido alla materna, e successivamente al bimbo di età maggiore.

Famiglie e lavoro. Il punteggio attribuito dipende anche dalla composizione del nucleo famigliare, dall’essere i genitori occupati o disoccupati, pendolari o con impieghi che comportino turni di lavoro. Un genitore è considerato occupato anche se ha un contratto a termine o è impegnato in situazioni non strettamente lavorative (tirocini, corsi di studio, ammortizzatori sociali) per le quali è documentabile l’obbligo della frequenza o l’incarico della durata di almeno otto mesi. Documentazione che va allegata all’iscrizione per l’attribuzione del punteggio. Nel caso il genitore sia occupato devono essere indicati: nome dell’ente o dell’azienda, eventuale partita Iva, città, indirizzo e telefono della sede di lavoro.

Le regole. Solo i bimbi vaccinati possono accedere ai servizi educativi comunali 0-3 anni. Non si può fare contemporaneamente l’iscrizione al nido e l’anticipo alla materna. Le iscrizioni al nido avverranno per tutti con uscita alle 14, si potrà chiedere il completamento orario fino alle 17 solo dopo il primo mese solare di inserimento. Il pagamento della retta può cessare solo dopo rinuncia formale al servizio.

Servizi diritto allo studio. A partire dal 1° maggio saranno aperte online le iscrizioni ai Centri Ricreativi e ai servizi di refezione, prescuola e trasporto.

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori