Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Nuove solidarietà e comunità

Le parole d’ordine del piano sociale- sanitario dei prossimi anni

Più investimenti su giovani, minori e famiglie, in particolare le più fragili, quelle unipersonali e le monogenitoriali. E poi ancora rinnovare e rinforzare alleanze tra istituzioni, terzo settore e cittadini, sviluppando insieme percorsi di autonomia delle persone (soprattutto anziani e disabili). Le parole chiave sono solidarietà e comunità quelle emerse all’incontro al Centro sociale "Rivana Garden" per fare il punto sulle attività del Piano socio sanitario 2018-2020 distretto Centro nord ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Più investimenti su giovani, minori e famiglie, in particolare le più fragili, quelle unipersonali e le monogenitoriali. E poi ancora rinnovare e rinforzare alleanze tra istituzioni, terzo settore e cittadini, sviluppando insieme percorsi di autonomia delle persone (soprattutto anziani e disabili). Le parole chiave sono solidarietà e comunità quelle emerse all’incontro al Centro sociale "Rivana Garden" per fare il punto sulle attività del Piano socio sanitario 2018-2020 distretto Centro nord, promosso dall'assessorato sanità e azienda Usl insieme ai comuni del Distretto Centro Nord (Masi Torello, Voghiera, Ferrara, Copparo, Tresigallo, Jolanda di Savoia, Ro, Formignana, Berra).

All’incontro erano presenti 90 le persone presenti tra amministratori pubblici, operatori socio sanitari, rappresentanti delle associazioni di volontariato, delle cooperative sociali e delle organizzazioni sindacali alle quali sono state presentate le nuove linee programmatiche del Piano socio sanitario della Regione Emilia Romagna triennio 2018-2020 con una declinazione locale (provinciale o distrettuale). Inizierà ora la fase di elaborazione del Piano triennale 2018-2020 del distretto, specifico per il contesto sociale dei 9 comuni di riferimento del territorio e dei i bisogni della sua comunità: un lavoro che necessariamente dovrà svolgersi con la collaborazione di tutti gli operatori del terzo settore e dei cittadini interessati alla partecipazione, tutti legati dalla parola d’ordine sula nuove solidarietà.