Quotidiani locali

oggi il nuovo presidente 

L’Unione Alto Ferrarese non va Il sindaco di Vigarano accusa

VIGARANO MAINARDA. Si prevedono tensioni alla riunione convocata per oggi alle 10.30 nel municipio di Bondeno, per eleggere il presidente dell'Unione dei Comuni dell'Alto Ferrarese - Bondeno, Cento,...

VIGARANO MAINARDA. Si prevedono tensioni alla riunione convocata per oggi alle 10.30 nel municipio di Bondeno, per eleggere il presidente dell'Unione dei Comuni dell'Alto Ferrarese - Bondeno, Cento, Poggio Renatico, Terre del Reno, Vigarano Mainarda - in quanto il presidente di turno in carica, il sindaco bondenese Fabio Bergamini, è in scadenza. Da indiscrezioni dovrebbe subentrargli il sindaco poggese Daniele Garuti.

Già nell'incontro di lunedi 12 febbraio, quando si doveva discutere sulla riorganizzazione dei servizi sociali, le frizioni erano emerse particolarmente da parte del sindaco vigaranese.

«In quell'incontro - spiega il sindaco Barbara Paron - ho fatto presente che dall'insediamento della giunta dell'Unione, nel settembre 2016, ancora non si è fatto nulla. Manca la volontà politica di fare un passo avanti per far funzionare il nuovo ente, l'Unione dell'Alto Ferrarese, che esiste da tempo ma resta una scatola vuota. A mio parere l'Unione è la struttura idonea a sopperire le lacune e le criticità nate a causa del superamento delle Provincie.

Sul da farsi, poi il il sindaco vigaranese ha le idee chiare: «Bastano cinque giornate di lavoro per analizzare, una ad una, le cinque convenzioni che potrebbero essere conferite nell'Unione. Dovremo approfondirle fino all'ultimo dettaglio e votarne la fattibilità. Se si ritiene che il conferimento si può fare allora bisogna procedere, speditamente, per creare la struttura dell'Unione con i relativi uffici, segreteria, albo pretorio, ragioneria e personale. Mi sembra però di predicare nel deserto».

Resta però il dubbio sui motivi per cui l’Unione Alto Ferrarese non decolla... «Sono stata chiara e diretta - evidenzia Barbara Paron - anche con i miei colleghi sindaci e ho spiegato che è il presidente dell'Unione che, una volta eletto e recepita la volontà politica, deve farsi carico di organizzare la riunione tecnica, facendosi aiutare anche dagli altri sindaci da lui delegati. La risposta che mi è stata data è stata: “Bene, eleggiamo il nuovo presidente”. Però se questa volta il presidente eletto si comporterà come in passato, vale a dire che non è stata mossa foglia, il Comune di Vigarano Mainarda valuterà altre opportunità e non sarà necessario uscire dall'Unione in quanto non è mai nata; perché non esiste nei fatti».



TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro