Quotidiani locali

Vai alla pagina su Spal calcio
Aggressione ai tifosi milanisti: identificati tre spallini

Spal Calcio

Aggressione ai tifosi milanisti: identificati tre spallini

Avevano lanciato sassi verso alcuni supporter rossoneri: per un 40enne ferrarese denuncia e Daspo di 5 anni

FERRARA. Per cinque anni dovrà recarsi all'ufficio di polizia all'inizio e al termine delle partite della Spal. Nuovo Daspo a un tifoso biancazzurro 40enne, recidivo, visto che era stato colpito da Daspo anche nel 2008, identificato fra i tre autori dell'aggressione ad alcuni tifosi avvenuta in via Garibaldi sabato 10 febbraio, il giorno della partita interna della Spal contro il Milan. Grazie alle telecamere, oltre al 40enne sono state identificate altre due persone, rispettivamente di 24 e 22 anni, complici nell'aggressione a cui avevano partecipato anche altri tifosi spallini.

Le indagini della Digos hanno consentito di accertare che, verso le  13.15 del 10 febbraio, in via Garibaldi, mentre alcuni tifosi del Milan, riconoscibili dalle sciarpe rossonere che indossavano, transitavano davanti alla pizzeria “C’è pizza e pizza”, gli stessi venivano apostrofati da una decina di tifosi della Spal che camminavano nella stessa via in direzione stadio. La ricostruzione dei fatti faceva emergere che, tra i due gruppi di tifosi, si era verificato uno scambio di epiteti offensivi conclusosi con apparente rapidità in quanto il gruppo di tifosi ferraresi si era allontanato imboccando via Muzzina (una piccola strada laterale). Tuttavia l’allontanamento dal luogo del diverbio aveva avuto il solo scopo di organizzare un immediato attacco al gruppo rivale. Pochi istanti dopo infatti, il gruppo era ritornato in via Garibaldi. In questo breve lasso di tempo trascorso nel vicoletto, i tifosi biancazzurri si erano travisati per rendersi irriconoscibili (alzando il bavero e indossando il cappuccio del giubbotto) ed avevano raccolto sassi dal selciato ed estratto spranghe e tubi che, con ogni probabilità, erano occultati nelle vicinanze. L’attacco, veloce e coordinato, si era concretizzato in un lancio di oggetti, comprese bottiglie e sassi, contro i tifosi del Milan, ancora fermi davanti alla pizzeria, sorpresi dalla violenza fulminea che era stata scatenata contro di loro. Uno dei tifosi milanisti, colpito alla testa da un bastone, rimaneva lievemente ferito. Un grosso sasso colpiva la porta della pizzeria, danneggiando gravemente il vetro antisfondamento.

L’azione si era conclusa in pochi istanti, dopo di che il gruppo si allontanava separatamente per fare perdere le proprie tracce. Le indagini immediate della Digos, grazie soprattutto alle immagini catturate da alcune telecamere, hanno consentito di denunciare tre soggetti del gruppo di ultras della Spal, appunto il 40enne, un 24enne e un 22enne. Gli stessi si sono resi responsabili in concorso del reato di lesioni personali con una sfilza di aggravanti (si va dai futili motivi, al fatto di avere agito travisati, in più persone riunite, approfittando della cd. minorata difesa altrui). E le indagini proseguono per l’identificazione degli altri coautori.

Crotone-Spal, cartoline dagli spalti Circa duecento irriducibili hanno seguito la Spal a Crotone, trasferta tutt'altro che leggera. Sono stati ripagati da una grande prestazione della loro squadra del cuore e da una vittoria che è un capolavoro. Ecco i tifosi ferraresi allo stadio Scida. LEGGI L'ARTICOLO

Nel frattempo, sono stati notificati 5 Daspo a carico di altrettanti tifosi spallini che hanno comunque preso parte all’aggressione ed ai disordini che ne sono derivati: 4 dei Daspo emessi prevedono il divieto di accedere di accedere per un anno ai luoghi ove si svolgono manifestazioni sportive, eventi calcistici nazionali ed internazionali, amichevoli comprese per quanto concerne le partite della Spal, nonché il contestuale divieto di accedere alle zone interessate ai ritiri ed ai raduni ai quali partecipi la squadra della Spal, nonché ai luoghi interessati alla sosta, al transito o al trasporto di coloro che partecipano o assistono alle competizioni medesime a cui partecipa la citata squadra. In caso di violazione del divieto è prevista la reclusione da uno a tre anni e la multa da 10.000 a 40.000 euro. Il quinto Daspo è a carico del 40nne, già colpito da Daspo nel 2008 e prevede un identico divieto ma per 5 anni, oltre all’obbligo di comparire personalmente davanti ad un ufficio di Polizia in tutte le giornate in cui si volgono gare a cui partecipa la Spal, sia all’inizio che al termine di tutte le partite.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Ferrara Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro