Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Arrestato due volte in dieci minuti

Fermato ha ferito un carabiniere e messo ai domiciliari è uscito di casa

COPPARO. Fermato dai carabinieri per un normale controllo, ha ferito alla mano uno dei militari e accompagnato a casa agli arresti domiciliari, è tornato fuori in strada dopo nemmeno di mezz’ora.

Si trova adesso in cella di sicurezza in attesa di giudizio, Piotr Capatina, cittadino moldavo di 31 anni pregiudicato e residente a Copparo. L’umo è stato arrestato dai carabinieri in flagranze dei reati di violenza e resistenza a pubblico ufficiale e una seconda volta per evasione. Domenica verso l ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

COPPARO. Fermato dai carabinieri per un normale controllo, ha ferito alla mano uno dei militari e accompagnato a casa agli arresti domiciliari, è tornato fuori in strada dopo nemmeno di mezz’ora.

Si trova adesso in cella di sicurezza in attesa di giudizio, Piotr Capatina, cittadino moldavo di 31 anni pregiudicato e residente a Copparo. L’umo è stato arrestato dai carabinieri in flagranze dei reati di violenza e resistenza a pubblico ufficiale e una seconda volta per evasione. Domenica verso l’una di notte, l’uomo è stato fermato mentre era alla guida dell’auto in via Marconi a Copparo. Una volta sceso dalla macchina si è opposto alla perquisizione colpendo uno degli agenti ad una mano e provocandogli una ferita lacero contusa dichiarata guaribile in cinque giorni. Al Captina è stata anche ritirata la patente perché si è opposto all’alcoltest.

Alle 6, come disposto dall’autorità giudiziaria, è stato accompagnato a casa sua agli arresti domiciliari in attesa del giudizio con rito direttissimo. Ma appena i carabinieri sono andati via, l’uomo è uscito di nuovo e alle 6.10 lo hanno trovato in giro vicino alla sua abitazione mentre bighellonava senza meta. Ecco quindi che è stato arrestato ancora per evasione e questa volta portato nella camera di sicurezza della caserma di Copparo in attesa della fissazione dell’udienza con rito direttissimo.